BRINDISI.Il Punto di Vista : Dopo l’ ultimo Consiglio Comunale sulla vicenda A2A, giornata molto importante per Brindisi e il territorio. Ma sull’ ambiente, bisogna insistere.

Quante volte, dalle  pagine  di questo giornale  on line  e non solo,abbiamo  invitato  maggioranza  e opposizione del Comune  di  Brindisi  a fare fronte  comune   soprattutto quando  si tratta di assumere decisioni importanti per il bene della comunità.

Così  è stato, e ne siamo ben lieti, nel corso dell’ ultimo   Consiglio  Comunale  di lunedì pomeriggio, durante  il quale ( tra  gli argomenti all’ ordine del giorno) si  è discusso  sulle variazioni di bilancio, ma anche e soprattutto si doveva  deliberare  su una posizione definita  e comune  sulla vicenda  A2A(   lo ricordiamo,ordine del giorno  proposto dopo la conferenza capi gruppo contro il progetto sul sito  dell’  ex  Centrale  elettrica  Brindisi  Nord).

Da anni multinazionali, senza polemica, hanno fatto  e disfatto  a Brindisi  e nel territorio,  non tenendo  conto di  un elemento basilare, la tutela  ambientale  e la salute dei cittadini.   Il discorso sarebbe lungo   e da approfondire, pensando  anche ( parlano i fatti  e le cronache), qui  interessa soprattutto, ed è   incoraggiante, la coesione  tra  maggioranza  e opposizione.

Un’ ordine del giorno  condiviso( del   resto  già nel corso  di una conferenza dei capi gruppo che si è tenuta poco tempo fa) dall’ intero   Consiglio Comunale, integrato  praticamente  da un emendamento presentato dal  Vice Presidente  del Consiglio   Comunale  e consigliere  di  Fratelli d’ Italia   Massimiliano  Oggiano.

“Bonifica,  abbattimento, dismissione, messa  in sicurezza del sito dell’ ex Centrale  ” elettrica  Brindisi Nord– sono praticamente  gli elementi inseriti  congiuntamente  nella  deliberazione  del Consiglio  Comunale, respingendo totalmente  il progetto di  A2A   di bruciare  rifiuti  nel sito proposto.

“  Oggi  è sicuramente una data storica  per Brindisi   – ha dichiarato  il  Sindaco  Riccardo  Rossi.  Maggioranza  e opposizione fianco  a fianco  quando si tratta  di tutelare  l’ ambiente e la salute dei cittadini.  Un ordine del giorno ampiamente  condiviso  su cui  nessuno ha  avuto dubbi, e del resto  il segnale  era già stato dato  durante   la conferenza dei capi gruppo da  cui  è uscita fuori  una significativa  unità  di intenti.  A2A  dovrà prendere  atto  di quanto deliberato  dal  Consiglio  Comunale  di  Brindisi, una  decisione politica  a cui proprio    i vertici  della   Società  avevano fatto  riferimento  già negli incontri   avuti  con l’ amministrazione guidata  da Angela  Carluccio.  E’ chiaro, porterò quelle che poi sono le istanze della comunità  brindisina  al  Ministero  dell’ Ambiente”.

Bene, il Consiglio  Comunale brindisino  che in sostanza  decide per la comunità brindisina, lasciando da parte le differenze politiche, le diverse vedute  che inevitabilmente possono evidenziarsi  in un  “ gioco delle parti” tra chi  amministra la città  e chi cerca di fare opposizione.  Ma, al di  là  della vicenda  A2A, rimangono in piedi  nel complesso  la questione energetica e la problematica   rifiuti, legata  al ciclo dei rifiuti e agli impianti.

Problematiche(  per i rifiuti, potremmo parlare anche di emergenze)  a cui, nel  corso del suo intervento, non si è sottratto  il primo cittadino.    “Ora  la massima attenzione  alla gestione  rifiuti, che non può prescindere dalla soluzione  delle vicende che riguardano gli impianti già esistenti  e  tra l’ altro sequestrati. A tal  proposito, nei prossimi giorni avremo altri incontri    con  l’ Agenzia  Regionale  dell’ Ambiente”.

Il  riferimento all’ ex   Discarica  comunale   di  Autigno, sequestrata  per inquinamento ambientale   e le note vicende giudiziarie( di cui la gestione commissariale  targata  Giuffrè aveva  chiesto il dissequestro), che rimane  sotto sequestro  ufficialmente  “ per continuare  la necessaria bonifica , ambientalizzazione, messa in sicurezza”.  Una riapertura  che,secondo  l’ amministrazione comunale di Brindisi e le organizzazioni sindacali, con le  giuste ambientalizzazioni  e caratterizzazioni, dovrà  essere funzionale anche alla ricollocazione degli ex  lavoratori Nubile.

Ma non si può dimenticare  che quella  discarica , oltre a quella di Formica  Ambiente , ha già  creato  un irreversibile danno    ambientale   alle  Contrade    “ospitanti “  ( Autigno, Formica, Mascava, Serranova), quindi ai cittadini residenti.

Non si può dunque disconoscere   l’ aspetto  “ ambientale”, nel senso della  precisa  presa di posizione di chi  non vuole ancora una volta sentirsi  “ cittadino di serie  B”, rappresentato  nella propria battaglia dal Comitato  Salute, Ambiente e Territorio.

Da una parte, tanto per intenderci, la richiesta  di riapertura dell’ impianto di Autigno, dall’ altra già  un esposto   alla Magistratura   presentato   dal Comitato  avverso  la riapertura  dell’ ex   discarica comunale ma  di qualsiasi  altro impianto.

Insomma, uno  scenario a cui dovrà dare la massima attenzione  l’ amministrazione  comunale  targata  Rossi, che ha   sempre confermato   la tutela  ambientale  come una priorità nel proprio programma.

Troppe  situazioni sotto il profilo ambientale  e occupazionale  irrisolte in tutti questi anni, accrescendo  nell’ animo della comunità brindisina  la convinzione   di una persistenza  di    “poteri forti” che  continuano ad agire  in nome  dei loro interessi, contrastando  la grande voglia di “sviluppo sostenibile”.

Il No ai progetti  di  A2A  rappresenta  un grande passo in avanti, per una  città che, come dichiarato dal nostro  primo cittadino, vuole avere un’ autonomia decisionale, svincolata da pressioni,   interessi particolari appartenenze politiche.

Ma, sulla  vicenda  energetica e la problematica rifiuti,  c’è ancora tanto  da fare.  Ne è ben  consapevole  Riccardo  Rossi.

Foto: Marcello Altomare

Scritto da Ferdinando Cocciolo

Scritto da Ferdinando Cocciolo

Giornalista - Dir.Resp. Flashback Magazine (Brindisilibera.it)

More Posts

Follow Me:
Facebook

Scritto da Ferdinando Cocciolo

Scritto da Ferdinando Cocciolo

Giornalista - Dir.Resp. Flashback Magazine (Brindisilibera.it)