Latiano: recidivo sorpreso alla guida di un’autovettura mercedes classe “a” senza aver conseguito la patente.

Perquisito  è stato trovato in possesso di un coltello a serramanico e di un petardo e pertanto deferito anche per porto  ingiustificato di strumenti atti ad offendere e per il possesso del petardo.

A Latiano i Carabinieri della locale Stazione a conclusione degli accertamenti, hanno deferito in stato di libertà per “reiterazione nella guida senza patente” un 22enne del luogo, controllato alla guida di un veicolo Mercedes classe A senza la patente di guida poiché mai conseguita. Il giovane era recidivo, poiché era già stato contravvenzionato nel biennio per la stessa violazione in altre 2 circostanze. Nell’ ipotesi appena descritta la guida senza patente, la cui violazione costituisce un illecito depenalizzato, assume invece carattere penale, configurandosi quale autonoma fattispecie di reato alla quale si applica la pena dell’arresto sino ad un anno. E’ una delle due ipotesi dell’art.116 del codice della strada che riveste carattere penale restando esclusa dalla depenalizzazione, poiché è stato accertato un comportamento recidivo nel biennio. In tutte le ipotesi che assumono carattere penale per la reiterazione dell’illecito depenalizzato, in luogo del fermo amministrativo del veicolo trova applicazione la sanzione accessoria della confisca nel caso in cui il veicolo risulti di proprietà del trasgressore. La seconda ipotesi dell’art.116 che riveste carattere penale concerne la guida senza patente o con patente negata, sospesa o revocata a persona sottoposta con provvedimento definitivo a misura di prevenzione.

Nell’ambito dello stesso contesto operativo il giovane è stato perquisito e trovato in possesso di un coltello a serramanico con la lama di 9 centimetri, occultato all’interno del giubbotto mentre, nell’abitacolo della vettura è stato inoltre rinvenuto un petardo del peso di 33 grammi detenuto senza le prescritte autorizzazioni, motivo per il quale, in considerazione del relativo pericolo per la pubblica incolumità, è stato penalmente sequestrato unitamente al coltello.

Arte Liberata  dal  Sequestro  al Museo
Intervista a Giovanna  Bozzi
Segretaria  nazionale  ANISA