Legittima difesa, Gruppo Lega comm. Giustizia: “Norma vuole tutelare vere vittime, no incostituzionalità

“Le dichiarazioni dell’Anm, per bocca del suo Presidente Minisci, ci lasciano senza dubbio perplessi. La norma sulla legittima difesa non ha né l’intento di legittimare l’omicidio né tantomeno quello di disattendere i dettami della nostra Costituzione.

L’intento di questa nuova norma, che è all’esame alla Camera e della quale ci stiamo occupando con attenzione e responsabilità, non è assolutamente la legittimazione di condotte illecite gravi ma è figlia della volontà di tutelare le vere vittime, ossia gli ignari cittadini. Vogliamo rispondere al grido di aiuto di tutto coloro che hanno subito o rischiano di subire furti o rapine e che si sentono impotenti di fronte al crimine ma contemporaneamente abbandonati dallo Stato.
Oltretutto non si intravedono profili di incostituzionalità sostenuti da certa magistratura, pertanto andiamo avanti serenamente col nostro lavoro e contiamo di portare in aula questa proposta quanto prima. Invitiamo i rappresentanti dell’Anm a leggere il testo, come ha recentemente fatto Matteo Salvini, e a sostenere questa nostra proposta che vuole dare ai cittadini uno strumento in più per sentirsi al sicuro in casa propria.”

Lo dichiarano in una nota i parlamentari della Lega in Commissione II – Giustizia: il Capogruppo Roberto Turri con Ingrid Bisa, Fabio Boniardi, Gianluca Cantalamessa, Flavio di Muro, Riccardo Augusto Marchetti, Luca Paolini, Manfredi Potenti e Anna Rita Tateo