BRINDISI, Umberto Ribezzi , Lettera Aperta al presidente del Consiglio Renzi

Riceviamo e pubblichiamo una Lettera Aperta del Consigliere Comunale del Partito Democratico di Brindisi Umberto Ribezzi al Presidente del Consiglio Matteo Renzi sulle gravi problematiche che stanno attanagliando l’ Ospedale Perrino di Brindisi. Un “ grido di dolore” soprattutto da cittadino, una richiesta ( legittima) di un sopraluogo da parte del Premier Renzi in una struttura che va potenziata, per il bene del territorio brindisino, per il ruolo di eccellenza ricoperto in una provincia brindisina dove sono già chiuse diverse realtà ospedaliere.

Una Lettera Aperta da condividere, se davvero si auspica il binomio “ di eccellenza” tra Sanità e Comunità.

LETTERA APERTA A MATTEO RENZI.
Egr. Presidente del Consiglio Matteo Renzi

La Sanità è patrimonio di tutti, delle comunità, degli utenti che devono essere messi in condizione di poter usufruire, puntualmente e senza problemi, dei servizi, delle cure mediche. Questa è la Sanità che noi tutti vogliamo, “ a misura d’uomo”. Ma ( e dispiace ribadirlo in più occasioni) la realtà, anche e sopratutto nella Sanità Pugliese, è diversa e caratterizzata purtroppo da problematiche e emergenze ancora irrisolte. Emergenze, problematiche, che probabilmente sono anche il risultato di una politica assente, incerta, ma spingono ora più che mai a guardare avanti, a trovare soluzioni condivise dal territorio.
Il territorio brindisino, cosi’ pieno di risorse umane che fanno del lavoro e dell’ impegno grandi motivazioni di vita, non può più accettare, ad esempio, una Sanità dove,per mancanza di autoambulanze delle barelle del 118, il Presidio ospedaliero brindisino del Perrino, per trasportare e ricoverare un paziente di Francavilla Fontana, è costretto a chiamare un’ ambulanza privata di Fasano. Inconcepibile, in situazioni dove, come si può ben capire,anche un minuto ( insieme alle distanze)è fondamentale per la vita e la salute di un malato. Quell’ Ospedale Perrino che rappresenta “l’eccellenza del territorio brindisino ( tenendo anche presente la chiusura degli altri ospedali) ed anche della Puglia, che tuttavia va potenziata .
Egregio Presidente del Consiglio Matteo Renzi, non è questa la Sanità che vogliamo. Duole constatare, per l’ ennesima volta, da consigliere comunale ma soprattutto da cittadino, nonostante anche le promesse di interventi risolutori da parte della Regione Puglia,il grave problema del mancato funzionamento degli ascensori al “ Perrino”. Situazione più volte denunciata da diverso tempo soprattutto dai cittadini brindisini, che continua a perdurare. E’ inammissibile, come successo più volte, che una donna in cinta debba andare praticamente a piedi dal medico. Per non parlare poi delle lunghe file al Pronto Soccorso. Non è questa la Sanità sognata dalla comunità brindisina, anche da chi scrive ( soprattutto in qualità di cittadino) che, a differenza di altri ( non essendo tra l’ altro un candidato alle prossime elezioni regionali) non intende fare propaganda elettorale.
Egregio Presidente Renzi, queste sono sono alcune delle gravi problematiche che stanno attanagliando sempre più un “ pianeta Sanità” allo sbando e necessitano urgentemente di interventi e provvedimenti.
Per questo, a nome della comunità brindisina, la invito ad un sopraluogo presso la struttura ospedaliera brindisina del Perrino. La salute, la sicurezza, non possono più attendere.
Umberto Ribezzi
Consigliere Comunale Partito Democratico Brindisi


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.