Il Sindacato Cobas del Lavoro Privato dichiara lo stato di agitazione dei 14 lavoratori della Nuova Resin Montaggi ,tutti sottoposti ad una procedura di licenziamento a causa di una grave crisi di commesse lavorative.

Il Sindacato Cobas organizza un sit-in dei lavoratori della Nuova Resin Montaggi e di tutti quelli che intendono opporsi a questa situazione di grave crisi nel nostro territorio per Mercoledì 29 Ottobre alle ore 10,00 in Largo San Paolo ,davanti gli Uffici del Mercato del Lavoro.

Il sit-in si svolgerà in concomitanza della convocazione di un incontro chiesto dall’azienda per  chiudere una situazione di crisi attraverso il licenziamento di tutti i lavoratori presenti in azienda .

La Nuova Resin Montaggi è una piccola ma significativa “azienda storica” del nostro territorio che si occupa di costruire tubi industriali di resina nei suoi capannoni   e di manutenzione di tubi e manufatti in resina sugli impianti industriali.

La grave crisi occupazionale della Nuova Resin Montaggi nasce secondo noi da un distorto sistema degli appalti ,che di fatto tende a metter fuori chi non si allinea a delle regole ben precise.

Sistema degli appalti  in cui si vedono  nascere come aziende locali , ma  solo sulla carta , società espressione di gente direttamente o indirettamente legata a potentati  politici.

Per questo dopo la riunione di Mercoledì 29 come Sindacato Cobas ci recheremo in Prefettura dove esporremo la reale situazione del nostro territorio ,

Si firmano in Prefettura “Protocolli per la legalità” ma nei fatti continuiamo ad essere sottoposti ad  un sistema degli appalti che ci sembra avere una direzione occulta , che sceglie non in base alla professionalità ma in base ad altri criteri.

E le aggiudicazioni delle gare avvengono a prezzi così ribassati da far venire seri dubbi sulla liceità dei fondi a disposizione di chi ha vinto.

La lotta  per salvare i lavoratori della Nuova Resin Montaggi deve quindi diventare la battaglia di tutta la città contro i ricatti dei grandi gruppi industriali che continuano non a portare sviluppo ma ad affamarci sempre di più.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.