A PIEDI DA REGGIO A REGGIO PASSANDO PER LECCE

La “rumorosa” marcia della pace di John Mpaliza per denunciare la difficile situazione socio-politico-economica esistente in Congo. Oggi a Palazzo Carafa l’incontro a con l’assessore Andrea Guido


Tappa salentina per il pacifista John Mpaliza in marcia, a piedi, da Reggio Emilia a Reggio Calabria passando da Lecce, per la pace nella Repubblica Democratica del Congo e nella Siria.
Il giovane, di origine congolese, ha lasciato tutto nella sua terra (lavoro, casa, stabilità), per dedicarsi a tempo pieno alla diffusione dell’informazione sulla situazione politico-economico-sociale nel Congo, ancora oggi afflitto da sanguinose guerre per la conquista, da parte di grandi multinazionali, di importanti materie prime presenti esclusivamente in quel Paese, coltan in primis (miscela complessa di columbite e tantalite, due minerali della classe degli ossidi che si trovano molto raramente come termini puri; la miscela estratta in diversi paesi africani è spesso scambiata con armi e altri beni da organizzazioni paramilitari e guerriglieri africani, in particolare nella regione del fiume Congo), e poi diamanti e oro.
L’obiettivo di questa iniziativa, infatti, è quello di rompere il silenzio degli organi d’informazione, informare la popolazione sulle tragedie delle guerre nel terzo mondo, infornare sul commercio delle armi, fatto dal nostro paese, dichiarare che vi sono metodi come il dialogo per risolvere i conflitti tra i popoli, coinvolgere le associazioni di volontariato, le parrocchie e le scuole.
John Mpaliza ha incontrato questa mattina a Palazzo Carafa l’assessore alle Politiche Ambientali del Comune di Lecce, Andrea Guido, al quale ha esposto la difficile situazione in cui verso il suo Paese. Il giovane è giunto in città nel pomeriggio di sabato e ha partecipato ad un corteo di pace – che si è snodato da porta Napoli in piazza Sant’Oronzo – al fianco di semplici cittadini, associazioni laiche e religiose come l’Associazione Casa delle Donne, Rete per Gaza, l’Associazione Dialogo, il gruppo Laici Missionari Comboniani, prima di fare tappa al Monastero delle suore di clausura di via Benedettine.
Domenica 16 novembre, invece, ha partecipato ad un incontro organizzato dalla Chiesa Valdese ‘La Vigna’ di Cutrofiano dal titolo “Parlando attorno ad un tavolo di Pace, condividendo e spezzando il pane”, mentre alle ore 18, alle Manifatture Knos di Lecce, ha preso parta ad una tavola rotonda con l’Associazione Casa delle Donne di Lecce e Rete per Gaza per informare e sensibilizzare la cittadinanza sulle drammatiche vicende in Repubblica Democratica Del Congo, Siria e Palestina.
Questa mattina Jpohn Mpaliza ha incontrato gli studenti dell’ Istituto Superiore Galilei-Costa di Lecce per parlare di Pace e Disarmo e della situazione socio-politica nel Congo prima di essere ricevuto a Palazzo Carafa dall’assessore Guido. La giornata leccese si è chiusa con l’aperitivo di pace al Circolo Arci Zei di Lecce in collaborazione con l’Associazione Casa delle Donne in diretta streaming con Radio Flo.
Martedì 18 novembre, dalle ore 9 alle ore 13, gli Istituti Comprensivi Statali di Calimera e Martignano (LE) incontrano John Mpaliza in assemblea per parlare di pace e disarmo. Alle ore 18.30 è atteso dai Missionari Comboniani di Cavallino.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.