BRINDISI, Fusco, CESSAZIONE DALL’INCARICO DI CONSOLE ONORARIO DI GRECIA IN BRINDISI

ritenendo il Ministero degli Affari Esteri Italiano sussistere un’incompatibilità tra la mia funzione di Console Onorario di Grecia in Brindisi e quella da me svolta quale Consigliere Comunale della Città di Brindisi (sulla scorta di una circolare interpretativa della legge italiana

in materia di pubblico impiego, che detta anche le regole del Cerimoniale diplomatico della Repubblica Italiana), ho scelto di proseguire il mandato di Consigliere Comunale conferitomi dagli elettori della città di Brindisi, presentando in data 19.11.2014 all’Ambasciatore di Grecia in Italia le mie dimissioni da Console Onorario di Grecia in Brindisi.

                Ho ringraziato vivamente il Governo Ellenico per la fiducia accordata e per l’onore concesso allo scrivente – peraltro cittadino italiano – di rappresentare la Repubblica Ellenica per oltre dieci anni nella città di Brindisi, fortemente legata alla Grecia da un secolare rapporto storico, economico e culturale.

                Ovviamente resteranno immutati i miei rapporti di amicizia e di collaborazione sempre intrattenuti sia con l’ Ambasciata ed il Consolato generale di Grecia in Italia, che con la Chiesa Greco Ortodossa  di Brindisi, l’Arcidiocesi Ortodossa d’Italia in Venezia, con le Comunità Elleniche di Brindisi e di Puglia, e  con tutti i cittadini greci e filoelleni di Brindisi, Lecce e Taranto, che ringrazio tutti di vero cuore per l’affetto dimostratomi e per la squisita collaborazione ed attenzione a me sempre riservata in questo decennio di mia attività di Console Onorario di Grecia.

                Con i più cari saluti.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.