CEGLIE MESSAPICA: ARRESTATI TRE FIANCHEGGIATORI DI UN ESPONENTE DELLA SACRA CORONA UNITA.

I Carabinieri del Nucleo Investigativo del Reparto Operativo del Comando Provinciale di Brindisi hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal G.I.P. del Tribunale di Lecce, su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia di Lecce, nei confronti di 4 indagati, ritenuti responsabili, a vario titolo, di aver favorito in concorso la latitanza di un esponente della sacra corona unita brindisina, condannato a pena definitiva 14 anni di reclusione. Il latitante era stato arrestato in Germania a gennaio di quest’anno.

Nel medesimo contesto, una quinta persona è stata deferita in stato di libertà per lo stesso reato.

L’Autorità Giudiziaria, concordando con le risultanze investigative prodotte dal personale operante, ha emesso il provvedimento custodiale a carico degli odierni indagati:

1.    BARLETTA Nicola, classe 1978 residente a Ceglie Messapica;

2.    BARLETTA Francesco, classe 1968 residente a Ceglie Messapica;

3.    VALENTE Roberto, classe 1958 residente a Ceglie Messapica,

ritenuti responsabili di avere, in concorso tra loro, aiutato SOLITO Gennaro, condannato dal Tribunale di Brindisi alla pena di anni quattordici di reclusione perché ritenuto colpevole dei delitti di cui agli artt. 416 bis c.p., 73 e 74 D.P.R. 309/90, e perciò destinatario di misura cautelare della custodia in carcere, ad eludere le investigazioni dell’Autorità e a sottrarsi alle ricerche di questa.

In particolare BARLETTA Nicola, BARLETTA Francesco e B. A., classe 1981 residente a Ceglie Messapica, quest’ultimo deferito in stato di libertà per lo stesso reato, e un quarto uomo tuttora ricercato, provvedevano a mantenere i contatti tra SOLITO e i familiari allo scopo di eludere le attività di ricerca e di intercettazione svolte dai carabinieri nei confronti del Solito, procurandogli documenti di identità e documentazione necessaria alla latitanza. Gli indagati hanno anche mantenuto i contatti tra SOLITO e altri associati, ai quali trasmettevano le istruzioni del latitante e lo informavano delle ricerche e degli accertamenti che i Carabinieri stavano svolgendo per la sua cattura. Il VALENTE, anche a mezzo di una falsa denuncia di smarrimento, forniva a SOLITO tre suoi documenti di identità da lui utilizzati per sottrarsi alle ricerche.

L’autorità Giudiziaria ha anche contestato agli indagati l’aggravante del c.d. metodo mafioso, cioè aver commesso il delitto allo scopo di favorire e agevolare l’attività dell’associazione di tipo mafioso nota con la denominazione di Sacra Corona Unita, favorendo la latitanza di uno dei suoi esponenti di vertice, referente per la città di Ceglie Messapica.

BARLETTA Nicola, BARLETTA Francesco e VALENTE Roberto, al termine delle formalità di rito, sono stati associati presso la casa circondariale di Lecce.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.