Brindisi, Dott. Paolo Taurino,Il lato oscuro del nucleare, lettera a Al Ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti A tutti i SINDACI d’Italia

Al Ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti
A tutti i SINDACI d’Italia

Il lato oscuro del nucleare
Sono diversi nel Territorio Italiano, gli insediamenti contenti rifiuti illeciti e sostanze nucleari. Uno di questi è stato scoperto proprio nel terriorio Pugliese, precisamente a Statte, a soli 20 km da Taranto. Si tratta dell’ex Cemerad,

Nucleare-un deposito contentente 1140 metri cubi di rifiuti radioattivi, lasciati in stato di deterioramento. Questi depositi, come molti altri sparsi nel territorio Italiano, rappresentano una vera e propria minaccia ambientale, oltre che un aggravo di miliardi di euro nelle tasche dei cittadini, prelevati inconsapevolmente nelle bollette alla voce A3.
La presenza di questi giacimenti in Italia rappresenta un fenomeno alquanto increscioso visto che, negli anni di Chernobyl e della corsa agli armamenti, l’8 e il 9 novembre 1987, con uno storico referendum si era votato per il “NO” all’energia atomica, un “NO” ribadito nel giugno 2011,con un altro referendum contro la costruzione di centrali atomiche in Italia.
La storia del nucleare e dei vari depositi di rifiuti illeciti è una faccenda che viene tralasciata e oscurata. Mi sento in dovere di tirare fuori un importante argomento come questo e far sì che se ne parli e che, mi rivolgo soprattutto al Ministro dell’Ambiente, ma anche ai Sindaci di ogni città, vengano monitorate le aree circostanti, affinché non si scoprano altri depositi abbandonati come questi e si inizi a provvedere ad un effettivo smaltimento.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.