BARI, GIORNATA DI MOBILITAZIONE DEI PENSIONATI DEL MEZZOGIORNO

LUNEDI’ 15 DICEMBRE 2014 – ore 10.30 Hotel Majesty  – Via Gentile 97/B  BARI.

L’Anp, l’Associazione Nazionale Pensionati della Cia (Confederazione Italiana Agricoltori), indice a Bari per il prossimo 15 Dicembre una GIORNATA DI MOBILITAZIONE DEI PENSIONATI DEL  MEZZOGIORNO, per chiedere alle Istituzioni innovazione, solidarietà ed equità per una esistenza dignitosa e libera dei pensionati.

Tra impoverimento delle pensioni e disagi socio-assistenziali, i pensionati sono ormai ai margini del dibattito politico-istituzionale e, ben 8 milioni, con assegni mensili sotto i mille euro (2,2 milioni addirittura sotto i 500 euro), vivono in semipovertà.

Per questo l’Anp sta organizzando in tutta Italia delle giornate di mobilitazione.

Per il Mezzogiorno l’iniziativa si svolgerà lunedì prossimo 15 dicembre a Bari a partire dalle ore 10.30 presso l’Hotel Majesty (Via Gentile 97/B), dove si terrà un incontro pubblico che sarà presieduto dal Presidente della Cia Puglia Raffaele Carrabba.

Ad introdurre i lavori sarà Francesco Tinelli, Presidente dell’Anp Puglia, cui seguiranno gli interventi del Presidente nazionale dell’Inac (Istituto Nazionale Assistenza ai Cittadini – il patronato della Cia) nonché responsabile Welfare della Cia nazionale, Antonio Barile, e del Presidente nazionale dell’Anp, Vincenzo Brocco.

Le conclusioni saranno tracciate dal VicePresidente nazionale della Cia Alessandro Mastrocinque.

I pensionati, solidali con le nuove generazioni, hanno finora garantito, in larga misura, la tenuta sociale delle famiglie e del paese: hanno diritto ad un invecchiamento attivo, sereno e sano, e ad essere al centro della vita sociale e pubblica.

Bari, 10 dicembre 2014


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.