BRINDISI, conferenza stampa sullo stato d’agitazione del personale delle Province

Dal 1° Gennaio 2015 la Legge “Del Rio” sul riordino istituzionale delle Province, se vedesse confermati gli emendamenti proposti dal Governo Renzi nella Legge di Stabilità con particolare riferimento al taglio delle risorse, andrebbe a certificare un corto circuito istituzionale che produrrà solo la cessazione di servizi fondamentali per le comunità del territorio e la messa in discussione dei livelli occupazionali sinora garantiti nell’ordine del 50%, con ventimila esuberi.


Le strade, le scuole, la tutela dell’ambiente, i centri impiego, i servizi sociali ad audiolesi e videolesi, il Museo, la Biblioteca, la Protezione Civile, il trasporto pubblico ed altro ancora sono oggi garantiti dalla PROVINCIA DI BRINDISI con i suoi 330 addetti, Società Santa Teresa inclusa.
Lo stato d’agitazione di tutto il personale delle Province d’Italia, già proclamato dalle Segreterie Nazionali della Funzione Pubblica di CGIL-CISL-UIL, dopo varie iniziative locali, si è concretizzato con un sit-in di protesta che ha visto ieri, a Roma, la partecipazione di lavoratori provenienti da tutte le Regioni d’Italia. Il sit-in, svoltosi davanti al Senato era a sostegno del preannunciato incontro tra sindacati ed autorevoli rappresentanti di Governo e si proponeva di riaprire la riflessione su una riforma che produrrà esattamente l’opposto di quello che era nelle intenzioni iniziali:
Disservizi ed aumento dei costi.

Le risultanze dell’incontro con i Sottosegretari Claudio Bressa ed Angelo Mughetti ed il relatore della Legge di Stabilità Giorgio Santini sono state del tutto deludenti infatti, da fonti sindacali si è appreso di una chiusura totale al dialogo caratterizzato, addirittura, da “Insopportabile atteggiamento indisponente ed arrogante”.
Un tale atteggiamento ha portato le Segreterie Sindacali Nazionali ad annunciare più forti manifestazioni di lotta, a cominciare dall’occupazione delle sedi istituzionali delle Province per Venerdì 19 dicembre prossimo.
Anche la Provincia di Brindisi è in stato di agitazione ed è stata convocata l’Assemblea sindacale di tutti i lavoratori per le ore 8.30 dello stesso Venerdì 19.
Per illustrare ai mezzi di comunicazione le ragioni della mobilitazione ed il caos che si genererà a partire da 1 di gennaio durante l’Assemblea, che si terrà presso la Sala del Consiglio provinciale, è convocata per le ore 9.30 una conferenza stampa.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.