BRINDISI, Blocco sfratti, niente rinnovo. “Nei guai 30 mila famiglie”.

Ci si aspetta che il 2015 sia l’ anno delle politiche dedicate a chi soffre, ai bisognosi, agli esodati, ai disoccupati e precari, a chi non ha una casa. Bisogna avere fiducia nel Governo Renzi, ma intanto, per quanto riguarda alcuni provvedimenti, si è già partiti con il “ piede sbagliato”.

Anche nel territorio brindisino, vi sono molte famiglie in difficoltà che ad esempio riescono a pagare a stento gli affitti. E sta montando in queste ore la polemica per l’ assenza del blocco degli sfratti dal “ Decreto Milleproroghe”, messa in campo da varie associazioni che stanno raccogliendo le lamentele e forti preoccupazioni di molti cittadini. Manca in sostanza il classico provvedimento che per determinate categorie di inquilini( reddito molto basso, persone malate a carico o più figli piccoli) allungava i tempi di uscita dal’ abitazione dopo l’ interruzione del contratto di affitto, Secondo il Sunia ( Sindacato inquilini) saranno coinvolte circa “30 mila famiglie in estremo disagio abitativo”, anche se dal Ministero arrivano notizie di due fondi destinati al problema da 446 milioni di euro.
Staremo a vedere, intanto l’ allarme è lanciato, uno dei tanti in un Paese in cui si spera davvero che più di qualcosa cambi in questo 2015.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.