BRINDISI, Vicenda Norman Atlantic, il Punto. Effettuata dal Magistrato della Procura di Bari Ettore Cardinali una seconda ispezione a bordo.

Si susseguono le ispezioni a bordo della Norman Atlantic. Dopo quella di ieri e il recupero della scatola nera, questa mattina il Magistrato della Procura di Bari Ettore Cardinali è salito a bordo con tecnici e i Vigili del Fuoco del nucleo di investigazione giunto da Roma.

Norman Atlantic (3)
La Norman Atlantic al Porto di Brindisi

Una vicenda che deve essere ancora chiarita definitivamente e approfondita dall’ autorità giudiziaria e gli organi competenti, ma anche una situazione ( a Costa Morena nord)che deve essere vigilata e monitorata costantemente. Uno dei motivi di preoccupazione è legato, ad esempio, a possibili rischi di inquinamento e per questo, in queste ore, si à già attivata l’ Arpa Brindisi., con una serie di interventi e prelievi.
Continua ad uscire ancora fumo e comunque sono già state date disposizioni di sicurezza per l’ ingresso delle navi carbonifere nel porto. In attesa di recuperare la seconda scatola nera, è molto importante aver già recuperato la prima. E’ praticamente un database in cui gli investigatori potranno trovare elementi molto utili alle indagini. Oltre alla scatola nera, che è sottoposta ad accertamenti tecnici irripetibili, i militari della Capitaneria di porto delegati alle indagini hanno sequestrato tutta la documentazione cartacea presente sulla nave. E’ salito intanto a sei il numero delle persone sotto inchiesta. Dopo il Comandante della nave Argilio Giacomazzi e l’ armatore Carlo Visentini, la magistratura ha anche indagato il primo ufficiale, il responsabile della sicurezza e il responsabile delle operazioni di calo in mare delle imbarcazioni di salvataggio, oltre a un manager della Ark Lines, la compagnia che aveva noleggiato il Norman Atlantic.
Intanto il Comandante Giacomazzi, ancora molto provato anche fisicamente, continua a rilasciare dichiarazioni agli inquirenti ed anche interessanti. Ha detto tra l’ altro : “Molti passeggeri sono stati presi dal panico e hanno fatto e agito da soli, senza attenersi alle mie indicazioni”.
Dunque, in linea di massima, questo il quadro degli indagati, anche se il Procuratore Capo Volpe non esclude ulteriori sviluppi e altre persone indagate.
Ma la vicenda del Norman Atlantic, oltre ad essere quella dei morti, feriti , delle indagini e dei dubbi, è anche quella delle emozioni, dei sentimenti e della commozione. Come quella degli otto Vigili del Fuoco brindisini che ieri sono stati accolti dagli applausi dei parenti e colleghi presenti sulla banchina, dopo sei giorni trascorsi in mezzo al mare in burrasca a bordo dei rimorchiatori Barretta. Hanno anche rischiato la vita, senza mai essere stati sostituiti, e sono stati condotti in ospedale per accertamenti.

Norman Atlantic
La Norman Atlantic al Porto di Brindisi
Norman Atlantic (2)
La Norman Atlantic al Porto di Brindisi


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.