BRINDISI, Aggiornamenti Norman Atlantic. Oggi pomeriggio vertice in Procura a Bari

 Il Punto sulla Norman Atlantic. Slittano praticamente al 12 gennaio le autopsie da effettuare sui corpi delle nove vittime della Norman Atlantic, mentre oggi pomeriggio vi sarà a Bari un vertice in Procura tra tecnici e forze dell’ ordine.

Slittano praticamente al 12 gennaio le autopsie da effettuare sui corpi delle nove vittime della Norman Atlantic, per un difetto di notifica agli indagati greci della Anek, società noleggiatrice della nave traghetto. Questo,mentre a Brindisi si è in attesa di sapere se e quando la nave della tragedia sarà trasportata a Bari, in mezzo alle polemiche tra chi ( come ad esempio il senatore di Forza Italia Pietro Iurlaro e Giuseppe Barretta) è favorevole affinchè la Norman Atlantic rimanga a Brindisi) e chi ( tra gli altri il Sindaco Mimmo Consales e l’ Autorità Portuale brindisina) invece è favorevole ad un immediato smistamento nel porto di Bari.
Intanto, questa mattina militari della Capitaneria di Porto e investigatori sono saliti sulla nave, mentre i Vigili del Fuoco continuano nello spegnimento dei focolai e nella messa in sicurezza. A tal proposito, da registrare le dichiarazioni del Comandante Vigili del Fuoco Michele Angiulli : “ Ci vorranno settimane perché i focolai all’ interno della nave si estinguano”. E il Comandante della Capitaneria di porto Mario Valente : “ tenteremo di accedere al ponte 3, anche se le condizioni a bordo sono ancora molto difficili e complicate”. Lo stesso Valente ha confermato che oggi pomeriggio vi sarà a Bari un vertice in Procura tra tecnici e forze dell’ ordine.

In foto: Il comandante Valente


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.

Condividi: