BRINDISI, Mamme del Comitato Mensa “Scuola per l’Infanzia – Boschetti Alberti” :“oltre il danno la beffa”…….Ancora una volta a pagare il prezzo delle incompetenze altrui,

Ancora una volta a pagare il prezzo delle incompetenze altrui, dell’inefficienza di ditte vincitrici di appalti al ribasso, di un’amministrazione comunale incapace di gestire non solo le emergenze ma a quanto sembra anche la normalità, sono i bambini di questa città, i nostri figli. Dal 6 ottobre 2014 giorno in cui e iniziato il servizio mensa della ditta Ladisa, noi genitori ne abbiamo viste, sentite e mangiate di tutti i colori. Ripetute e quotidiane sono state le lamentele, spesso anche delle maestre, sulla qualità dei cibi (spesso immangiabili) forniti ai bambini durante la mensa quotidiana. Cibi freddi, porzioni inadeguate, verdure cucinate intere, pane ammuffito, uova semi crude… Un appalto al ribasso e le bassezze si sono viste tutte, malgrado il ribasso non abbia riguardato la nostra quota quotidiana (min. 2,99, max 5,00). Si perché bisogna ricordare che il servizio mensa è un servizio a pagamento anche per noi genitori.

Ripetute sono state le nostre visite presso l’ufficio comunale competente per il servizio di refezione e le uniche risposte avute dai responsabili sono state che non possiamo pretendere che i bambini mangino come a casa: questo non lo pretendiamo ma ESIGIAMO però che i bambini mangino dignitosamente. Più volte è stato richiesto di sapere la provenienza dei prodotti usati per preparare i pasti dei nostri bimbi e non ci è dato di sapere.

Più volte è stata sollecitata la costituzione del Comitato per la mensa che prevede la presenza di genitori ed insegnanti ma anche qui la comunicazione della costituzione del comitato è arrivata il 18 dicembre (dal 19 le scuole chiuse per le vacanze di natale) ed il contratto della ditta Ladisa è scaduto il 31 dicembre.

Oggi 6 dicembre giorno dell’Epifania leggiamo dai giornali e da internet che domani al rientro dalle vacanze il servizio mensa “potrebbe essere sospeso” .

Il sindaco in un intervista in tv si scusa per il disagio ma cari genitori bisogna organizzarsi perchè la ditta Ladisa uscente non accetta la proroga di due mesi per consentire alla ditta subentrante di finire ( o forse iniziare) i lavori del centro cottura previsto presso la scuola di via Basento a Brindisi.

Caro Sindaco e cara amministrazione comunale, quello che sta accadendo è una cosa ignobile. Noi genitori non lasciamo a mensa i nostri figli perché non ci piace cucinare per loro, ma lo facciamo solo per esigenze di lavoro. Siamo donne e mamme che lavorano e che pagano quotidianamente per far mangiare i propri figli a scuola. Le scuse per il disagio non ci servono,non bastano,grazie.

E’ necessario che con ogni modo e mezzo il servizio mensa venga ripristinato.

E’ mai possibile che ci si debba ridurre al 6 gennaio  per risolvere un problema noto già da tempo e non si è nemmeno pronti a gestire un’emergenza?

Allora non prendiamoci in giro, anzi non prendeteci in giro, non siamo più disposti ad accettare sconti sulla pelle dei nostri bambini.

Buon rientro Bimbi e buona scuola! State tranquilli noi continueremo a lottare perché i vostri sacrosanti diritti siano rispettati.

Danila Baldacci per

Le Mamme del Comitato Mensa “Scuola per l’Infanzia – Boschetti Alberti” Brindisi


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.