Ilva: Stefàno (Sel), “Non è questa la strada per lo sviluppo di Taranto”

“Gli imprenditori che oggi sono scesi in piazza a Roma, hanno tutta la mia solidarietà. Da tempo auspico e invoco una soluzione in grado di evitare un disastro che troppo facilmente avevo già annunciato”.

E’ il commento del Senatore Dario Stefàno alla notizia della manifestazione in mattinata nei pressi di Montecitorio degli oltre 200 imprenditori dell’indotto metalmeccanico e edile di Taranto.

“Con il ricorso all’amministrazione straordinaria per l’Ilva, previsto dall’ultimo decreto legge del Governo, i crediti che le aziende dell’indotto vantano nei confronti del colosso siderurgico tarantino rischiano di essere di colpo azzerati. Non serve una laurea speciale per capire che ciò avrà risvolti più che negativi per quanto riguarda la vita e le attività delle imprese con insopportabili ripercussioni sui livelli occupazionali. Uno scenario che, proprio ora, non ci possiamo permettere”.

“Tutti gli ultimi governi – continua Stefàno – hanno dichiarato di voler far ripartire il Paese partendo dalle risorse e dalle potenzialità del Sud. Io non voglio abituarmi ad ascoltare i proclami dei governi appena insediati per poi assistere ogni volta a misure che penalizzano ulteriormente le nostre già provate realtà. L’incontro accordato dal Ministro Guidi alla delegazione di Confindustria Taranto spero non sia solo un incontro di rito ma sia l’occasione per vedere finalmente stabiliti gli obiettivi e gli strumenti necessari per l’effettiva tutela e il reale rilancio dell’Ilva e del suo indotto”.

“Taranto, e più in generale la Puglia, hanno già pagato a caro prezzo – conclude Stefàno – le scelte sbagliate della politica industriale degli ultimi anni. Finora non mi sembra che i governi abbiano intrapreso la strada giusta per risarcire una comunità che merita molto di più e per dare un’altra chance a questo nostro territorio”.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.