Xylella/Algeria blocca importazioni di barbatelle, Stefàno al Ministro dell’Agricoltura: “Intervenga subito per scongiurare danno economico incalcolabile”

“Il blocco algerino alle importazioni delle nostre barbatelle da vite a causa della Xylella è ingiustificato, il Ministro intervenga con urgenza per scongiurare un danno economico incalcolabile”. È la richiesta del senatore Dario Stefàno contenuta in una interrogazione a risposta urgente al Ministro delle politiche agricole con la quale si denuncia il blocco delle importazioni da parte dell’Algeria  delle barbatelle da vite salentine a causa della Xylella.

Il 14 gennaio scorso la Direzione della protezione delle piante e del controllo tecnico del Ministero dell’agricoltura e dello sviluppo rurale dell’Algeria ha disposto la sospensione dell’importazione dall’Italia delle barbatelle di vite adducendo come motivo la presenza del batterio Xylella fastidiosa”.

 “Ciò è avvenuto – prosegue – nonostante il servizio fitosanitario della Regione Puglia abbia rilasciato, in seguito alle richieste di informazioni delle autorità algerine, l’attestazione di controllo  dei vegetali destinati all’esportazione, dopo gli opportuni monitoraggi ed ispezioni territoriali, riferendo dell’assenza di organismi di quarantena e della conformità delle suddette piante ai requisiti fitosanitari in vigore nel Paese importatore, compresi quelli concernenti gli organismi non di quarantena regolamentati”.

“Il Ministro – è la richiesta del senatore Stefàno – attivi immediatamente tutti i canali diplomatici necessari per risolvere nel più breve tempo possibile una determinazione che si presenta ingiustificabile ed insostenibile atteso che il blocco di importazioni interessa piante non ospiti del ceppo di Xylella”.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.