BRINDISI, Pd, Umberto Ribezzi sul Canile Comunale

La situazione del Canile Comunale di Brindisi mi sta particolarmente a cuore ( da consigliere comunale ma soprattutto da cittadino), alla luce anche delle ultime notizie di stampa e informazioni in mio possesso che non sono proprio positive. Stamattina, il Presidente del Consiglio Comunale Luciano Loiacono e una delegazione di consiglieri comunali hanno fatto un sopraluogo nel Canile.

Le notizie in mio possesso parlano, ad esempio, di quattro stalli nei quali i cani sono praticamente denutriti. Scenario che suscita molta preoccupazione e dubbi sulla gestione del Canile e naturalmente esige risposte da parte dell’ Amministrazione Comunale e un impegno concreto da parte della Asl. Bisogna chiedersi se i cani sono denutriti perché hanno problemi di salute oppure qualcuno non li fa mangiare.
E’ da diverso tempo che anche sui social network si susseguono le proteste e lamentele dei cittadini. Proprio nelle scorse, alcuni cittadini mi hanno informato che avrebbero contattato la famosa trasmissione “ Le Iene”.
Io posso promettere a questi cittadini tutto il mio interessamento e impegno sulla vicenda, che riguarda l’ intera comunità brindisina. Intanto, vigilerò sulla valenza del sopraluogo effettuato dal Presidente del Consiglio Comunale e i Consiglieri Comunali. e sull’ operato della Asl di Brindisi.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.