BRINDISI, Questione Canile

In data odierna si è riunita, in via del tutto eccezionale ed urgente, la 9° Commissione consiliare competente sulle questioni del canile comunale su richiesta di tutti i commissari, a seguito anche di una interrogazione – prodotta dai componenti dell’opposizione – nella quale venivano evidenziate, tramite documentazione fotografica, le cattive condizioni di alcuni cani in custodia presso il canile gestito dalla società Brunda.


All’appuntamento presso il canile municipale si sono presentati, oltre al presidente del Consiglio Luciano Loiacono, il presidente della Commissione Luigi Sergi ed i componenti Pagliara, Colella, Oggiano (quest’ultimo unico rappresentante dell’opposizione), alla presenza anche dell’assessore Monetti, del dirigente Fabio Lacinio, dell’ing. Iaia e del dott. Nardelli.
I presenti, visitando la struttura, si sono accertati delle condizioni dei cani in custodia, apparse ai commissari alquanto normali, così come gli spazi all’interno dei ricoveri sono risultati nel rispetto delle norme igienico sanitarie. La commissione, al termine della visita, si è trattenuta con il veterinario, dott. Barletta (responsabile sanitario del centro), al quale ha posto numerose domande sulle condizioni di salute dei cani. Il veterinario ha riferito ai commissari che, su una presenza di circa 700 cani, solo una ventina di essi registra patologie bisognose di cure particolari e che molti cani che vengono ricoverati risultano già malati al momento dell’ingresso nel canile stesso. I presenti, oltre a verificare con il veterinario la qualità dell’alimentazione, si sono soffermati sul tipo di acque utilizzate sia per la nutrizione che per la pulizia. Alla luce delle verifiche che verranno effettuate sia sul depuratore che sulla qualità delle acque stesse, con richiesta di analisi batteriologica, la commissione, all’unanimità dei presenti, ha deciso di effettuare prossimamente un nuovo sopralluogo, senza preavviso.