SS 275 MAGLIE-LEUCA: VISTI I RITARDI ANAS, I 5 STELLE PROPONGO L’ALTERNATIVA

Il deputato salentino Diego De Lorenzis (M5S) chiede la revoca dell’affidamento e il potenziamento dei tracciati esistenti, stradale e ferroviario, altrimenti il Presidente ANAS si dimetta

Ancora non conclusa la vicenda relativa alla contestata strada statale 275 Maglie-Leuca, anche a causa pure delle indagini della magistratura per le tre discariche abusive e contenenti materiali pericolosi rinvenute lungo il tracciato. Il valore della costruzione della strada è lievitato dagli anni ‘90, dagli iniziali 113 milioni all’attuale cifra che supera i 280 milioni di euro. Il M5S chiede al governo e ad ANAS l’abbandono del progetto.

Il presidente dell’ANAS, Ciucci, ne approfitti delle sentenze sulla complicata vicenda per annullare l’affidamento dell’esecuzione del progetto – dichiara il deputato salentino Diego De Lorenzis, segretario M5S della Commissione Trasporti alla Camera – Questa può essere l’unica soluzione per non chiedere le sue dimissioni anche da parte nostra. In un incontro informale a dicembre aveva rassicurato gli esponenti degli altri partiti affermando che la fine dell’istruttoria sarebbe avvenuta entro l’anno. La verità è che si continua a perdere tempo su un tracciato stradale che potrebbe essere messo in sicurezza con costi decisamente inferiori! Per un raddoppio che porta benefici più ai cementifici che ai cittadini, politici di centrodestra e centrosinistra annunciavano l’immediata riapertura dei cantieri – continua De Lorenzis (M5S) –ma le vicissitudini giudiziarie, che hanno portato anche il presidente Ciucci ad essere indagato per Abuso di Ufficio, e la mancata bonifica delle discariche trovate sul tracciato, a dimostrazione della progettazione inadeguata, ci fanno capire la superficialità della politica e l’opaca gestione di questa vicenda. Il blocco della SS 275 dovrebbe farci riflettere non solo sulla reale concretezza che questa venga portata a termine ma soprattutto sulla reale necessità dell’opera”.

I 5 Stelle propongono una terza via per redimere la vicenda sui trasporti nel basso Salento. Alla Camera dei Deputati, infatti, De Lorenzis (M5S) ha depositato una risoluzione che impegna il Governo a spostare i fondi stanziati per il progetto di raddoppio stradale sulla SS275, ritenuto inutile, per mettere in sicurezza l’esistente e potenziare la linea delle Ferrovie Sud Est che da Martina Franca porta a Gagliano del Capo, elettrificandone il tracciato. “Questa sarebbe una soluzione ben più sicura, utile per la popolazione e ambientalmente sostenibile – continua il deputato salentino 5 Stelle – L’importanza di questa linea ferroviaria è stata riconosciuta anche dal Governo che l’ha inserita tra le opere opportune da completare, attraverso lo Sblocca Italia, senza però prevedere risorse per la sua realizzazione dopo che è stata proposta e votata dalle stesse forze politiche che oggi chiedono la SS 275, ma nulla dicono sul tracciato ferroviario. A questo punto, visto l’ennesimo ritardo – conclude De Lorenzis (M5S) – il Governo blocchi definitivamente l’esecuzione del progetto della SS 275, annulli l’affidamento e attui la risoluzione del M5S per dare sicurezza alla viabilità esistente, diminuendo il traffico attraverso il potenziamento della linea elettrica Martina Franca-Gagliano del Capo, che consentirebbe anche un diritto alla mobilità ad un costo non solo economico, ma anche sociale e ambientale decisamente inferiore”.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.