PUGLIA: LA REGIONE CHIAMATA ALLA RIPROGRAMMAZIONE DELLE OPERE

Il deputato pugliese L’Abbate (M5S) chiede lumi alla Giunta Vendola sui progetti cantierabili a valere sul Fondo di Sviluppo e Coesione. L’obiettivo è non perdere ulteriori fondi pubblici e garantire lo sviluppo alla Regione

Con delibera del 20 febbraio scorso, il CIPE (Comitato interministeriale per la programmazione economica) ha preso atto delle rimodulazioni degli interventi regionali a valere sul Fondo Sviluppo e Coesione (FSC) 2007-2013 operate dalle regioni del Sud Italia (Puglia, Sicilia, Campania, Basilicata e Sardegna). La delibera 21/2014, che ha definanziato numerosi interventi regionali non appaltati, prevede che la riassegnazione alle Regioni (nell’ambito della programmazione 2014-2020) delle risorse disimpegnate, decurtate del 15%, avvenga a condizione che sia concordato con la Presidenza del Consiglio un dettagliato elenco di progetti cantierabili, per i quali le obbligazioni giuridicamente vincolanti (OGV) siano assunte entro il 31 dicembre 2015.

La delibera CIPE datata 30 giugno 2014 (e pubblicata il 22 settembre successivo) stabiliva al punto 2.3, infatti, che “l’importo di 1.143,866 milioni di euro, corrispondente ai precedenti 1.345,725 milioni di euro decurtati del 15%, sarà riassegnato alle Regioni nell’ambito della programmazione 2014-2020. Per impiegare tali risorse le Regioni interessate, entro tre mesi dalla data di pubblicazione della presente delibera, dovranno concordare con la Presidenza del Consiglio dei ministri un dettagliato elenco dei progetti cantierabili, per i quali le relative OGV (obbligazioni giuridicamente vincolanti) dovranno essere assunte entro il 31 dicembre 2015”.

La nostra Regione paga già lo scotto di una amministrazione Vendola rivelatasi lenta e non in grado di spendere i diversi contributi a disposizione – dichiara il deputato pugliese Giuseppe L’Abbate, capogruppo M5S in Commissione Agricoltura – Non ci resta, dunque, che chiedere alla Giunta guidata dal leader di SEL quali progetti cantierabili ha proposto al CIPE per riottenere i fondi a propria disposizione. Non vorremmo che, con il solito affanno dell’emergenza, si vadano a presentare progetti non in grado di garantire sviluppo al nostro territorio che, purtroppo, continua a registrare drammatici cali sui principali indici macroeconomici dopo due lustri a guida Vendola”.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.