BRINDISI: ARRESTATO LATITANTE FUGGITO DOPO AVER COMMESSO UN OMICIDIO AD HALLOWEEN.

A San Vito dei Normanni, nel corso della notte, i carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Brindisi hanno tratto in arresto ROMANO Andrea, classe 1986 di Brindisi, ritenuto responsabile dell’omicidio in concorso e del tentato omicidio in concorso ai danni, rispettivamente, di TEDESCO Cosimo e TEDESCO Luca.

L’omicidio, che sottende sicuramente vecchi rancori tra i due gruppi familiari, sarebbe scaturito da un gesto banale tra i figli dei coinvolti nella vicenda. Alle 12.30 circa del 1° novembre Tedesco, in compagnia del figlio Luca si recò a piazza Raffaello per chiarire quanto accaduto tra i bambini. Ma il chiarimento finì con il ferimento di Cosimo, che morì in ospedale qualche ora dopo, e quello di Luca.

Dal 1 novembre 2014, data in cui è stato commesso il delitto, ROMANO si è reso irreperibile unitamente al cognato POLITO Andrea, attualmente ancora alla macchia.

Una lunga attivPRETE Giuseppe, classe 1992ità investigativa ha consentito, nella notte, di mettere fine alla clandestinità di ROMANO, che avrebbe trascorso parte della latitanza anche all’estero e in particolare in Spagna.

Nel corso dell’operazione i carabinieri hanno fatto irruzione in un appartamento di San Vito dei Normanni, in via Padre Bronte. ROMANO, al momento dell’ingresso dei militari, era in compagnia di altri due individui entrambi arrestati per favoreggiamento. si tratta dei censurati PRETE Giuseppe, classe 1992 di Carovigno, e REMITRI Cosimo, classe 1991 di San Vito dei Normanni. I due oltre ad aver fornito la base logistica a ROMANO, hanno custodito un’Audi A6, rubata a Brindisi il 1 novembre 2014, che serviva al latitante per spostarsi nella provincia con un’auto veloce e potente.

Nel corso delle perquisizioni eseguite a presso  le abREMITRI Cosimo, classe 1991itazioni dei due fiancheggiatori è stata trovata una pistola Beretta mod. 84F cal. 9 corto, con 6 colpi nel serbatoio e matricola abrasa, che dovrebbe essere la stessa usata da ROMANO per commettere l’omicidio.

ROMANO era destinatario di una ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal G.I.P. del Tribunale di Brindisi in data 14 gennaio 2015, su richiesta della locale Procura della Repubblica.

Su disposizione dell’Autorità Giudiziaria, dopo le formalità di rito, ROMANO Andrea è stato associato alla casa circondariale di Brindisi, mentre PRETE Giuseppe e REMITRI Cosimo sono stati tradotti presso le rispettive abitazioni in regime di arresti domiciliari.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.