Flash – BRINDISI: AZIENDE MESSE IN GINOCCHIO DA FURTI E RAZZIE ALLA ZONA INDUSTRIALE. 18 ARRESTATI DALLA POLIZIA

E ancora in corso una vasta operazione anticrimine, denominata “Industrie Sicure” condotta dalla II Sezione della Squadra Mobile della Questura di Brindisi, finalizzata all’esecuzione di numerosi provvedimenti restrittivi.


Gli stessi sono stati emessi dal G.I.P. del Tribunale di Brindisi Dr.ssa Stefania De Angelis, su richiesta del P.M., Dr. Marco D’Agostino sulla base dei numerosi riscontri investigativi forniti nel corso delle attività d’indagine che ha consentito di far luce, tra l’altro, sui numerosissimi ed incessanti furti avvenuti presso aziende e siti fotovoltaici di questa provincia, i quali, oltre alla crisi economica, hanno dovuto fronteggiare questi continui saccheggi, che stavano costringendo alcune imprese a chiudere e lasciare definitivamente questo territorio.
Agli arrestati, alcuni dei quali imprenditori e dipendenti di società del settore, vengono contestati i reati di associazione a delinquere finalizzata ai furti commessi in danno degli opifici industriali ubicati presso la locale zona industriale, nonché di ricettazione del materiale e delle attrezzature industriali asportate.
Tutti i particolari dell’operazione verranno forniti nel corso della conferenza stampa che si terrà alle ore 10.30 presso gli uffici della locale Procura della Repubblica, alla presenza del Procuratore Capo, Dr Marco Di Napoli e del Questore di Brindisi Roberto Gentile.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.