No al Carbone, IL PORTO DI BRINDISI GESTITO COME UN FEUDO.

Con uno striminzito annuncio l’Autorità Portuale comunica di aver approvato il Programma triennale delle opere pubbliche 2015-2017 (composto da sole sette pagine), a nostro parere per nulla rispondente alle esigenze di sviluppo e alle potenzialità che offre la nostra città.

Sembra che l’unica funzione dell’Ente sia quella di cementificare, con una tipologia di interventi che continua a legare il futuro di Brindisi ad una presunta vocazione industriale, finora assolutamente imposta e che ha contribuito solo ad ostacolare la crescita di nuovi settori.
Ne citiamo solo alcuni, di quelli che ci fanno inorridire.
Il progetto, già previsto e da noi ampiamente contestato, di banchinamento di Sant’Apollinare per la realizzazione di tre attracchi per traghetti ro-ro, a cui si aggiunge, sempre all’imbocco del Canale Pigonati, la costruzione di una banchina d’attracco per unità navali presso la base ONU, per continuare con un nuovo pontile gasiero, e ancora una nuova colmata tra il pontile petrolchimico e Costa Morena est, per finire con la inutile mostruosità della realizzazione di scogliere sottoflutto che collegherebbero le isole Pedagne.
Solo cemento, nessun recupero o valorizzazione, nessun servizio che riguardi il sostegno o lo sviluppo di nuove attività.

Possibile che non si veda altra alternativa al cemento? Il porto di Brindisi sta cambiando la sua morfologia, e da tempo cambia anche la sua storia.
La città viene spinta sempre più lontano dal suo porto e la parte fruibile dai cittadini si riduce sempre di più, il porto medio cresce a dismisura mentre il porto interno muore, nonostante gli interventi di riqualificazione del lungomare citati nel piano, peraltro già previsti.
Riteniamo questo programma un’altra offesa a questa città, segno evidente di una gestione privatistica del porto che nasconde chissà quali interessi sconosciuti ai più.
E se abbiamo ormai capito qual è la visione dell’Ente in questione, che gestisce il nostro porto come un feudo, ci chiediamo quale sia quella di un Sindaco che ha espresso il voto favorevole al programma e poi considera il Presidente dell’Autorità Portuale “una iattura”.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.