BRINDISI, I capigruppo, Pres. Cons. e ass. Ingrosso si autotassano per senza casa

Nel corso della conferenza dei capigruppo svoltasi lo scorso 26 febbraio, il presidente del Consiglio comunale Luciano Loiacono e l’assessore Antonio Ingrosso – unitamente ai capigruppo Salvatore Brigante, Francesco Cannalire, Pietro Santoro, Antonio Ferrari, Raffaele Iaia, Antonio Manfreda, Massimiliano Oggiano, Ilario Pennetta, Giampiero Pennetta, Antonio Pisanelli e Ferruccio Di Noi – hanno affrontato l’emergenza relativa ad alcune famiglie senza casa.

In particolare, uno di questi nuclei familiari è costretto da tempo a vivere all’interno di un’auto. Per questa famiglia (una delle due aventi diritto al contributo per l’affitto, sul totale delle famiglie ‘censite’ nel corso dell’incontro), i capigruppo, l’assessore Ingrosso ed il Presidente Loiacono hanno deciso di autotassarsi per consentire, in via temporanea, un ricovero dignitoso della stessa famiglia in una pensione cittadina. Il tutto, in attesa di consultare agenzie immobiliari che possano individuare un alloggio consono per le due famiglie aventi diritto ai due anni di contributo per l’affitto. “Questo perché – afferma il Presidente Loiacono – i due nuclei familiari in questione, nonostante avessero ricevuto un anticipo sul contributo totale, hanno incontrato difficoltà a trovare un affittuario disposto a mettere a loro disposizione una abitazione. La seconda famiglia, invece, ha trovato una sistemazione provvisoria presso la casa in campagna di un amico. Abitazione che, tuttavia, abbandonerà nel momento in cui l’agenzia riuscirà ad individuare un affittuario”.

In foto: Il Presidente del consiglio Comunale Luciano Loiacono


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.