COBAS BRINDISI, sfrattati sit-in 6 marzo

Il Sindacato Cobas del Lavoro Privato chiama a raccolta le famiglie sfrattate della nostra città invitandole ad un sit-in Venerdì 6 Marzo alle ore 9,00 in Piazza Matteotti , in concomitanza dei lavori del consiglio comunale di Brindisi

La lotta di questi giorni portata avanti dalle famiglie  sfrattate radunate sotto il Comune ha dato  la spinta per ottenere dei piccoli risultati , ma significativi.

Un punto all’ordine del giorno dei lavori dei lavori del Consiglio Comunale afferma che i contributi per le spese di alloggio passeranno da due a tre anni.

Saremo lì per controllare che questo punto venga votato e che soprattutto possa essere l’avvio di una  nuova politica per la casa . E’ sotto gli occhi di tutti  il totale fallimento della politica  sulla casa  realizzata fino ad oggi , che ha visto portare le carte in Procura da parte dell’Amministrazione.

Si parla di una gestione allegra dei contributi , di una graduatoria ferma da quasi 10 anni , di migliaia di domande ferme nel cassetto.

L’Assessore al ramo , Ingrosso , nel corso delle riunioni che abbiamo svolto in questi giorni ha affermato di dotare finalmente l’ufficio casa di un software per  informatizzare le attività.

Questo dovrebbe permettere  di tenere tutto sotto controllo evitando qualsiasi imbroglio, realizzando   una nuova graduatoria in pochi mesi .

Il Comune deve quindi pensare ad affrontare questa emergenza con determinazione  perché la crisi economica  travolgerà sempre strati più larghi della popolazione , creando sempre più famiglie senza casa.

Ancora una volta sono i cittadini  a scoperchiare le pentole per cose gravi che sono andate avanti per tanti anni.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.