Referendum EURO al Comune di Brindisi

Il Movimento 5 stelle mantiene fede al programma elettorale europeo che prevede una riforma completa della Banca Centrale Italiana, la riforma del sistema bancario privato, l’istituzione di strumenti a supporto delle imprese e la riforma della legge italiana sui fallimenti. Crediamo profondamente che il referendum indetto sia una reale strumento per il cambiamento.

Come meetup “5 Stelle Uniti per Brindisi” documentiamo ogni giorno l’insostenibilità della moneta unica così come viene dimostrata da decenni di studi economici e innumerevoli precedenti storici, abbiamo chiarito il legame tra l’euro e la disintegrazione economica europea.
Continuano a parlarci di meravigliose riforme strutturali che ci renderanno competitivi, dell’importanza della flessibilità come cuscinetto per assorbire shock temporanei. Questa è precarizzazione, non flessibilità. Uscire dall’Euro permetterebbe di riappropriarsi di uno strumento flessibile di gestione della crisi e di riacquisire competitività semplicemente svalutando moneta e non prezzi e salari. La posta in gioco è altissima poiché sono in ballo, non solo le condizioni economiche del Paese, ma la democrazia: l’eurozona impone la crisi come metodo di governo. Quello che tutti noi sogniamo è invece avere la concreta possibilità di, accantonata l’infelice parentesi dell’unione monetaria, riprendere la strada verso l’integrazione culturale e sociale in Europa.

Il referendum è legittimo e ha un senso: l’Italia deve riprendersi la propria sovranità monetaria, negata ormai vent’anni fa, quando si decise di costruire una moneta su misura dell’economia tedesca e lasciando all’Italia margini decisionali minimi in materia economica, limitando al minimo gli spazi decisionali di cui il nostro Paese avrebbe invece bisogno, anche per adottare le opportune misure di crescita.

Da oggi è possibile firmare per il referendum #Fuoridalleuro anche nell’ufficio elettorale del Municipio di Brindisi. In tale ufficio è possibile trovare il modulo per aderire alla campagna referendaria per proporre l’indizione di una consultazione sull’uscita dell’Italia dalla moneta unica europea. L’ufficio è aperto dalle 9 alle 13 dal lunedì al venerdì. Banchetti informativi verranno allestiti le prossime settimane a Brindisi e in diverse località della provincia.

Vogliamo inoltre sensibilizzare i consiglieri comunali di Brindisi, i funzionari comunali, i cancellieri del tribunale, e tutte le figure consentite dalla legge, a dare la propria disponibilità al fine di fungere da certificatori durante i banchetti di raccolta delle firme. Gli interessati possono contattarci al nostro recapito telefonico 0831-1819210 o venirci a trovare in sede in via Bastioni Carlo V, 17-19.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.