LECCE, SOSPESO IL MERCATO BISETTIMANALE

Il provvedimento è stato adottato “per cause di forza maggiore” su richiesta della ditta che sta effettuando lavori, per conto dell’Aqp, lungo viale dello Stadio


Lunedì 16 e venerdì 20 marzo verrà sospeso il mercato bisettimanale che si tiene in viale dello Stadio.
Il provvedimento è stato adottato dal sindaco Paolo Perrone (ordinanza n. 337 del 13 marzo 2015) “per causa di forza maggiore” e al fine di “consentire agli Uffici competenti di trovare una soluzione adeguata e possibilmente concordata con le Associazioni di categoria” degli operatori commerciali ambulanti.

Il tratto di strada in questione, infatti, sarà interessato da interventi dell’Aqp, “per l’estendimento della rete fognaria di Lecce”. La ditta che ha in appalto i lavori , ha chiesto – a partire da lunedì 16 marzo – la chiusura al traffico della carreggiata con senso di marcia dallo Stadio di viale Giovanni Paolo II, compreso tra la traversa di via Fogazzaro e via Giovanni Stano.

“Per problemi di sicurezza (degli operatori commerciali e degli utenti) – si legge nell’ordinanza firmata dal sindaco – di traffico e di igiene (durante i lavori di scavo si solleveranno inevitabilmente grandi quantità di polvere), non è possibile tenere il mercato nel sito attuale in contemporanea con l’esecuzione dei lavori di scavo e collocazione della condotta”. E ad ogni buon conto il Comune di Lecce “non può imporre all’Aqp una interruzione dei lavori, se non a costo di esporsi ad una possibile richiesta di risarcimento danni”.

L’Amministrazione Comunale ha accuratamente verificato la possibilità di spostare nelle immediate vicinanze una parte o tutti i 294 operatori che lavorano al mercato bisettimanale. Tuttavia, non è stato possibile adottare tale soluzione in quanto “le strade limitrofe al viale dello Stadio non permettono di accogliere i circa 70 operatori che attualmente stanziano sulla sinistra della corsia con senso di marcia da Lecce verso lo Stadio; spostare gli operatori alla fine della porzione di viale dello Stadio occupata sinora, farebbe snodare il mercato da via Marinosci fin quasi allo Stadio, con un percorso troppo lungo da percorrere a piedi e con conseguente penalizzazione degli operatori collocati all’estremità del mercato medesimo e dei fruitori dello stesso; l’area intorno allo Stadio non permette di accogliere tutti gli operatori e, comunque tale soluzione non consentirebbe di riservare aree da destinare a parcheggi per gli utenti, occorrerebbe procedere ad una nuova assegnazione di posti ed alla individuazione degli stessi con segnaletica orizzontale, con l’esborso di cospicue somme di denaro e con la necessità di sospendere l’attività del mercato per almeno trenta-quaranta giorni; infine, in tale area non vi sono servizi igienici pubblici e nell’immediato l’Amministrazione non è in grado di attrezzarla con gli stessi servizi”. E ancora: “Non vi sono altre aree sufficientemente grandi da accogliere il mercato bisettimanale, se non quella già allestita in via Bari e peraltro tipizzata come area mercatale: l’unica alternativa allo spostamento temporaneo su via Bari è la sospensione del mercato bisettimanale”.

Il Consiglio comunale di Lecce, come è noto, aveva disposto il trasferimento definitivo del mercato bisettimanale da viale dello Stadio all’area attrezzata di via Bari. Un provvedimento impugnato davanti al Tar Lecce dagli operatori commerciali. Tuttavia, le carenze igieniche rilevate dal Tribunale amministrativo “appaiono di minor rilievo rispetto alla tutela della sicurezza degli operatori ed utenti, ai pericoli per l’igiene e la salute pubblica e, non ultimi, ai gravi problemi di viabilità per l’accesso al mercato derivanti tutti dai lavori in corso a cura di Aqp”.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.