Michele Rizzi candidato Presidente della Regione Sulla questione Xylella: Non siano i piccoli coltivatori a pagare

Il batterio killer comunemente chiamato Xylella fastidiosa sta distruggendo le coltivazioni di ulivo del Salento, a partire dalla zona di Gallipoli. Intere coltivazioni stanno per essere estirpate per evitare il protrarsi dell’infezione ad altre coltivazioni.

Riteniamo assurdo che debbano essere i piccoli coltivatori a pagare l’espianto degli alberi infetti, aggiungendo al danno della mancata produzione anche la beffa di dover pagare questa operazione.

Non vorremmo inoltre che dietro questa calamità si possano annidare anche gli interessi delle multinazionali farmaceutiche e biotecnologiche per piazzare al momento opportuno delle specie Ogm batterio e chimico resistenti oltre a quelli della speculazione immobiliare pronta ad accaparrarsi terreni interi per costruirci residence e quant’altro.
La ricerca scientifica pubblica va implementata, così come vanno sostenuti i piccoli agricoltori per evitare nuove sciagure come questa che mettono sul lastrico intere famiglie oltre che distruggere pianete ultracentenarie dello splendido paesaggio salentino.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.