XYLELLA: IL COMMISSARIO SILLETTI PROMETTE DI AGIRE CON IL BISTURI

Smentiti sia l’uso imponente di pesticidi sia l’eradicazione massiccia degli alberi infetti. Il deputato L’Abbate (M5S) chiede attenzione alla sensibilità varietale, ai criteri di potatura e quelli di gestione del suolo.

Dopo aver illustrato le intenzioni del proprio lavoro al Senato, oggi il Commissario straordinario per l’emergenza Xylella in Salento è stato ascoltato dalla Commissione Agricoltura a Montecitorio, come richiesto dai deputati di diversi schieramenti.

Siamo contenti delle parole espresse dal commissario Silletti, il quale ha escluso in maniera categorica l’uso massiccio di prodotti fitosanitari – commenta Giuseppe L’Abbate, capogruppo M5S in Commissione Agricoltura ed autore di una interrogazione e una risoluzione, approvata nello scorso ottobre – Riteniamo che siano fondamentali tre strumenti agronomici importanti sia dal punto di vista preventivo, cioè di controllo del vettore, sia dal punto di vista della cura: ovvero sensibilità varietale, criteri di potatura e criteri di gestione del suolo. Abbiamo apprezzato – continua il deputato 5 Stelle – anche l’impegno del Commissario ad intervenire in maniera chirurgica, con il bisturi, in merito alle eradicazioni degli alberi infetti. Molti cittadini, giustamente, sono preoccupati sia per l’eventuale uso imponente di fitofarmaci sia per l’eventuale massiccia eradicazione. Tutto ciò, per fortuna, è stato ampiamente smentito dal dottor Silletti. Come ripetiamo da tempo – conclude Giuseppe L’Abbate (M5S) – i veri problemi sono stati l’inconsistenza e l’incapacità politica dell’Assessore regionale Nardoni e del Governo Vendola. Adesso, la necessità impellente è lo stanziamento di fondi per sostenere il reddito degli olivicoltori e dei vivaisti nonché per promuovere una approfondita ricerca sul patogeno”.

Approvato, intanto, alla Camera, durante la discussione del decreto sull’Imu agricola, un ordine del giorno a prima firma L’Abbate (M5S) che impegna il Governo Renzi a “a prevedere, per gli anni 2014 e 2015, per terreni agricoli già danneggiati da fitopatie, sostegni e contributi parametrati all’entità dei danni al fine di sgravare gli agricoltori, impegnati nel ripristino del potenziale produttivo e nel sanare le perdite di reddito, da ulteriori oneri finanziari”.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.