Carovigno: denunciati due coniugi per furto aggravato in concorso di un motociclo.

A Carovigno i Carabinieri della locale Stazione, a conclusione degli accertamenti, hanno deferito in stato di libertà per furto aggravato in concorso due coniugi del luogo, rispettivamente un 32enne e una 25enne. I fatti si sono svolti qualche giorno addietro quando un signore di Carovigno ha subìto il furto della sua motocicletta dall’interno della sua abitazione rurale nella quale si erano introdotti tagliando sia la recinzione del fondo che scardinando la porta di accesso dell’abitazione.

La moto oggetto di furto è stata rinvenuta dopo poco tempo appoggiata su di un muretto a secco poco distante dal luogo del furto. Le indagini effettuate hanno focalizzato la presenza in zona di un’autovettura Alfa Romeo 156 SW della quale è stato annotato il numero di targa. Il veicolo è stato notato effettuare una serie di manovre gravitando in quell’area per alcune ore con 2 individui a bordo un uomo e una donna. A seguito delle ricerche effettuate l’autoveicolo è stato rinvenuto in stato di abbandono con all’interno una serie di arnesi da scasso il tutto sequestrato. Gli accertamenti condotti sulla targa hanno dimostrato tutta una serie di passaggi di mano dell’auto tra cui l’ultimo non annotato nei pubblici registri anche se di fatto effettuato in favore dei due coniugi carovignesi che hanno avuto nella disponibilità l’autovettura. La motocicletta è stata restituita al legittimo proprietario. Sono in corso accertamenti finalizzati a stabilire se i possessori e utilizzatori dell’autovettura Alfa Romeo 156 SW, notata più volte gravitare nel comprensorio del comune abbiano commesso altri eventi delittuosi, soprattutto reati contro il patrimonio.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.