Ostuni: sorvegliato speciale di pubblica sicurezza a seguito di violazione degli obblighi deve espiare 6 mesi in detenzione domiciliare, arrestato.

I Carabinieri della Stazione di Ostuni hanno tratto in arresto GUARNIERI Pietro 44enne del luogo, poiché colpito da ordine di esecuzione per l’espiazione di pena detentiva in regime di detenzione domiciliare, emessa dal Tribunale di Brindisi Ufficio Esecuzioni Penali. L’uomo deve espiare la pena di 6 mesi di reclusione per violazione degli obblighi della sorveglianza speciale di P.S.. L’arrestato dopo le formalità di rito è stato accompagnato nella sua abitazione in regime di arresti domiciliari.

La Sorveglianza Speciale con obbligo di soggiorno nel comune di residenza è una misura di prevenzione limitativa della libertà personale e viene irrogata a tutta una serie di soggetti che hanno la tendenza a delinquere che hanno perpetrato un nutrito curriculum di reati. La misura contempla una gamma di prescrizioni a cui il sorvegliato deve ottemperare: la ricerca di un lavoro, non allontanarsi dal luogo di residenza senza preventivo avviso alle Autorità, vivere onestamente rispettando le leggi dello Stato, non associarsi a persone che abbiano subito condanne, non rincasare dopo le 21:00, non detenere e non portare addosso armi, non partecipare a riunioni pubbliche, presentarsi la domenica tra le ore 10:00 e le ore 12:00 presso la Stazione dei Carabinieri del luogo di residenza per apporre la firma su apposito registro, tutte queste prescrizioni sono finalizzate al costante monitoraggio dei soggetti sottoposti a tale rigorosa misura di prevenzione.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.