UIL Brindisi.XVI Congresso

Si conferma e si sviluppa il progetto di collaborazione e di crescita presentato ed illustrato il 18 aprile scorso al XVI Congresso territoriale della UIL di Brindisi dal Console generale onorario di Turchia della nostra cittàPinarUgursalBolognini.

Nel suo intervento, infatti, la dottoressa Ugursal Bolognini, presidente di una importante società turca di trasporti, aveva sottolineato le particolari caratteristiche infrastrutturali del porto brindisino, sicuramente adatte ad ospitare i traffici marittimi ed i successivi collegamenti con ferrovia in Italia ed all’estero, completando in questo modo questa importante linea di trasporto fino a coprire l’Europa centro settentrionale.

Nel frattempo il nostro porto si è arricchito dal punto di vista infrastrutturale con il nuovo passante ferroviario, una struttura fondamentale, che consente di mettere rapidamente in comunicazione le merci con la stazione ferroviaria centrale, con vantaggi ambientali non indifferenti atteso che attualmente il transito commerciale si sviluppa, esclusivamente, su strada dal porto di Trieste fino al sud Italia.

Una occasione importante che non bisogna perdere per lo sviluppo del porto e della città in considerazione del fatto che il nostro territorio è interessato ai progetti ZES (Zone Economiche Speciali) che prevedono agevolazioni economiche e fiscali per i progetti che verranno presentati.

La riunione che si è svolta a Bari con il Presidente dell’Autorità di sistema dell’Adriatico meridionale Patroni Griffi è senz’altro una prima occasione utile per mettere in atto il progetto e, quindi, creare sviluppo e nuova occupazione.

Antonio Licchello


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.