Brindisi: denunciate in stato di libertà 3 persone, autori in concorso dell’incendio di una fiat panda avvenuto il 29 novembre scorso in piazza cairoli.

Uno dei tre deferito anche per atti osceni in luogo frequentato dai minori.

I Carabinieri della Compagnia di Brindisi a conclusione degli accertamenti hanno deferito in stato di libertà per il reato di “danneggiamento seguito da incendio aggravato in concorso” 3 persone, una donna e due uomini tutti classe 1982, residenti in Brindisi con a carico pregiudizi penali per delitti contro la persona, il patrimonio e in materia di stupefacenti.

A seguito dell’attività investigativa è emerso che i tre  indagati  il 29 novembre scorso verso le ore 23.00, in piazza Cairoli hanno dato alle fiamme distruggendola completamente, l’autovettura Fiat Panda di proprietà di una pensionata di origine siciliana.

Nella giornata di ieri inoltre, uno degli indagati per l’incendio della Fiat Panda, nel corso di un controllo effettuato dai Carabinieri in Piazza Crispi è stato riscontrato in stato di ubriachezza e sanzionato al riguardo, nonché deferito in stato di libertà per atti osceni in quanto si è abbassato i pantaloni mostrando i genitali e urinando, in luogo abitualmente frequentato da minori, circostanza questa, che nella sua peculiarità rappresenta un’aggravante specifica e determina pertanto un sanzione penale, proprio perché il legislatore intende tutelare maggiormente il minore, da quei comportamenti antisociali che la cassazione definisce potenzialmente idonei a cagionare turbamento nonché, una reazione emotiva di immediato disagio e repulsione nella sensibilità dei consociati.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.