BRINDISI.Porto aperto all’accoglienza, Massimiliano De Noia(Fdi):TANTO TUONO’ CHE ALLA FINE PIOVVE

La solidarietà verso il sindaco di Riace, rinviato a giudizio per la gestione migranti (associazione a delinquere, truffa, falso, concorso in corruzione, abuso d’ufficio e malversazione i capi d’accusa); la visita al CPR di Restinco che noi abbiamo messo a confronto con le storie dei brindisini invisibili, ci avevano messo sull’attenti e manifestare la posizione di Fratelli d’Italia Brindisi nel seguire la “linea Meloni”;


ovvero la denuncia di chiunque non volesse rispettare la legge nazionale (tutto pubblicato sulla nostra pagina Facebook: “Fratelli d’Italia per Brindisi”). Sentivamo i tuoni e alla fine è venuta giù la pioggia. E così è stato. Per questo le dichiarazioni del sindaco non ci hanno colto di sorpresa. Ci lascia perplessi però detta posizione. Ci viene imbarazzante ricordare (non foss’altro per i celebri comizi e parole sulla
legalità) che non esiste potere dei sindaci sui porti e che non è la decisione personale del singolo, benché sindaco, a decretare l’incostituzionalità di una norma. Vorremmo ricordare che, ogni comportamento doloso diretto a sovvertire le istituzioni costituzionali o a violare la Costituzione (che definisce ambiti e
prerogative delle istituzioni) è esso stesso attentato alla Costituzione. Abbiamo sentito parlare di disobbedienza civile. Ma ci teniamo a ricordare che la disobbedienza civile è un’azione personale, individuale. Non può trascinare una città intera ad una posizione ideologica antilegalità. Se non altro perché, arriviamo così all’aspetto politico, decretare autonomamente, quali legge rispettare e quali
violare non da una bella immagine di una città che ha ben altri obiettivi e che ha faticato non poco a togliersi di dosso l’idea di città dell’illegalità di qualche decennio fa. Non vorremmo ritrovarci inoltre nella situazione di crisi perenne delle città, Napoli e Palermo, di quei sindaci che, prima di lei, si sono sbilanciati in avanti (si fa per dire, dato che rimangono comodamente seduti sulle loro poltrone e a stringere la cinghia, sono sempre i singoli cittadini). Una situazione ben evidente dal dormitorio su cui la nostra attenzione ha denunciato la realtà raccapricciante. Notiamo, per concludere, che plaudono alla sua decisione la comunità africana e il sindacato. La cosa è ancor più preoccupante perché entrambe non rappresentano che se stessi (il sindacato dovrebbe rappresentare i propri tesserati in altre sedi) e
non un’intera città; per cui, quando le posizioni particolari vorrebbero sovvertire gli interessi generali, c’è sempre qualcosa che non va nella democrazia soprattutto se si rappresenta il 23,5% di consensi che solo arrembaggi successivi al primo turno, per una presunta legalità (che adesso ha il sapore della beffa), hanno portato alla nomina.

Dott. De Noia Massimiliano
Vice coordinatore cittadino FdI Brindisi
Coordinatore provinciale Riva Destra Brindisi


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.