Puglia.Romano: “Il ddl su 118 segna un grande risultato per la sanità pugliese”

Una nota del presidente della Commissione sanità Pino romano.
“Questa mattina si è svolta una seduta della commissione sanità di estrema importanza. Abbiamo licenziato infatti il disegno di legge sul Dipartimento di emergenza urgenza. Il 118 di fatto diventa la settima azienda sanitaria della Regione Puglia e incorpora tutti i sistemi di 118 presenti nelle diverse Asl provinciali.

Dopo aver lavorato alacremente nei mesi scorsi con audizioni del mondo medico, dei sindacati, delle associazioni di volontariato, degli operatori dei pronto soccorso delle varie ASL, siamo oggi arrivati a conclusione di un grande lavoro di ascolto di una platea enorme di soggetti che, con il loro contributo, hanno arricchito la discussione e fornito materiale prezioso per la discussione in Aula.
Un’operazione di valore che, dopo aver ammodernato il sistema a seguito dei tagli imposti dal Governo nazionale su posti letto ospedalieri e immesso nel sistema la parte della riabilitazione post acuzie, ora col 118 completa il modello. Finalmente, il paziente preso in carico dal ‘nuovo’ 118 (non più struttura a parte rispetto alla rete ospedaliera), può essere guidato nell’ospedale in cui la patologia espressa trova la risposta più giusta e immediata. Una legge importante dunque, che stabilizza e regola i vari gruppi di 118 volontari e convenzionati. Senza questo disegno di legge non si poteva in passato attuare i giusti controlli. Ora si formerà il personale medico e paramedico al meglio e si elimineranno situazioni precarie che mettevano a rischio la risposta medica d’urgenza”./comunicato


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.