Donate shopper per il drenaggio al reparto senologia e breast unit di Brindisi

La cronaca di ogni giorno segnala tanti casi di malasanità, ma esistono tante “Storytelling”, belle storie che a volte non trovano spazio o restano custoditi nel proprio ambito familiare e professionale.

Quella di Sabrina Zurlo è, sicuramente, una bella storia da raccontare, non tanto per i doverosi ringraziamenti a un reparto di eccellenza dell’Ospedale Perrino di Brindisi, ma soprattutto per la volontà di voler essere utile al prossimo, agli altri.

Madre Teresa di Calcutta ha detto “Non è tanto quello che facciamo, ma quanto amore mettiamo nel farlo. Non è tanto quello che diamo, ma quando amore mettiamo nel dare”.

E così, Sabrina, dopo la sua esperienza conclusasi positivamente, ha voluto donare, a chi ne ha bisogno, l’attenzione ricevuta durante il periodo di ricovero realizzando delle semplici, ma utili shopper in stoffa utilizzabili dai pazienti nella fase post operatoria del drenaggio. Sabrina Zurlo per realizzare il progetto ha incontrato sulla sua strada, in maniera del tutto causale,  un imprenditore brindisino che ha contribuito all’iniziativa restando nel più assoluto anonimato. “Desidero ringraziare – dichiara Sabrina Zurlo – il reparto di senologia e breast unit dell’Ospedale Perrino di Brindisi, il dr. Stefano Burlizzi, responsabile di chirurgia senologica, il dr. Mario Gazzabin, responsabile di chirurgia ricostruttiva mammaria, per la professionalità e l’umanità in questo percorso che ho iniziato. Un pensiero va anche a tutto il personale infermieristico per la grande professionalità, cortesia e disponibilità dimostrata “.

Il reparto provvederà a consegnare le shopper a tutte le pazienti che ne avranno bisogno.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.