Sparatoria Brindisi, Lega: “la decima in due mesi, intervengano le autorità”

“Con sempre maggiore frequenza veniamo a conoscenza di episodi gravi come quello avvenuto in tarda serata a Brindisi: un giovane ferito da colpi di arma da fuoco nei pressi di un pub al centro di Brindisi. Non è di certo il primo caso e, se non si risponde tempestivamente a una eclatante richiesta di sicurezza della quale la nostra città necessita, sicuramente non sarà neanche l’ultimo.

Se dovessimo fare un resoconto ci rendiamo conto che non è un evento sporadico.

Ogni weekend diventiamo testimoni di sparatorie, risse, minacce, consumo di droghe leggere come se fossero praticamente legalizzate e abuso di alcol tra minorenni. Eventi illegali senza che qualcuno intervenga a ristabilire l’ordine pubblico, la legalità e la sicurezza.

Il divertimento dei ragazzi diventa titolo di delinquenza portando non solo pericolosità nei luoghi in cui si compie, ma anche l’intera cittadinanza allo stremo. Lo stesso gestore di un locale pubblico, nelle scorse settimane, ha denunciato condotte non a norma di legge nei locali vicini, senza alcun risultato.

Riteniamo che questo sia un problema che attanaglia tutta la provincia di Brindisi; nei vari comuni si sente l’esigenza di sicurezza nelle strade dove gli atti criminosi tra i giovani, compiuti anche solo per puro divertimento, diventano sempre più frequenti. Chiediamo con urgenza l’intervento del Prefetto, del Questore e del Sindaco, affinché si cerchi di ristabilire l’ordine e la sicurezza.”

Lo dichiarano Anna Rita Tateo, deputata pugliese della Lega e commissaria provinciale di Brindisi per il suo partito, insieme a Noemi Chianura, dirigente provinciale Lega.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.