Xylella: Stefàno (Pd), “Olivicoltura vittima delle beghe di governo”

“È inutile girarci intorno, su Xylella il governo nazionale e il governo pugliese non hanno più alibi”. Lo ribadisce il senatore Dario Stefàno (pd), replicando alle rilevazioni dei parlamentari M5S, Lezzi e L’Abbate.

“Il rilievo dei parlamentari grillini, riferito alla mia iniziativa inserita nel testo della legge di bilancio 2019, dà valore al proverbio secondo cui, spesso, lo stolto guarda al dito e non alla luna. La mia proposta, infatti, intende tracciare un principio guida che è quello della semplificazione rispetto alle procedure di eradicazione in zona infetta, in ossequio a quelle che sono le decisioni europee”.
“Aspettavamo dal ministro dell’agricoltura – continua Stefàno – un decreto ad hoc per il contrasto alla Xylella già nell’estate scorsa ma, ad oggi, quel provvedimento non è ancora arrivato all’esame del Parlamento. Questo però non mi ha impedito di intervenire a sostegno del settore, sull’unico testo possibile a Roma, ossia la manovra”.
“Lezzi & co hanno preferito costruire consenso intorno a teorie complottiste, dando credito agli stregoni di turno, credendo sufficienti le buone pratiche agricole e la slupatura degli ulivi per debellare il batterio. Ad oggi, però, non gli basta neanche sbattere il muso contro la triste realtà negli oliveti, ma continuano ad animare distinguo, divisioni e obiezioni su quella che è l’unica via da perseguire e che il mio emendamento ha tracciato: la semplificazione dell’eradicazione degli ulivi malati. Da questo punto, da questo solo punto – conclude Stefàno – passa una strategia seria e utile di contrasto al patogeno”.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.