Brindisi:Alla guida di autovettura di proprietà di una società di Torino si rifiuta di sottoporsi agli accertamenti per la verifica dell’eventuale assunzione di sostanze stupefacenti, denunciato 33enne del luogo

33enne del luogo, controllato dai militari alla guida di autovettura di proprietà di una società di Torino, si è rifiutato di sottoporsi agli accertamenti per la verifica dell’eventuale assunzione di sostanze stupefacenti, denunciato. La patente di guida è stata ritirata e il veicolo affidato al titolare del contratto di locazione.

I Carabinieri della Sezione Radiomobile della Compagnia di Brindisi hanno deferito in stato di libertà un 33enne del luogo, per rifiuto dell’accertamento finalizzato a stabilire lo stato di alterazione psicofisica dovuta all’assunzione di sostanze stupefacenti. L’uomo è stato controllato nel corso della notte alle ore 04.30 in Piazza Raffaello, alla guida di una Fiat 500 di proprietà di una società di Torino. La patente di guida gli è stata ritirata e il veicolo affidato al titolare del contratto di locazione.

Per quanto riguarda il rifiuto dell’accertamento finalizzato al riscontro dello stato di alterazione psicofisica dovuta all’assunzione di sostanze stupefacenti o psicotrope, la norma sanzionatoria punisce tale comportamento con sanzioni di natura penale, pena congiunta dell’arresto e dell’ammenda. All’accertamento del reato consegue la sanzione amministrativa accessoria della sospensione della patente di guida da uno a due anni. Se il veicolo appartiene a persona estranea al reato, la durata della sospensione della patente è raddoppiata. Con la sentenza di condanna è sempre disposta laconfisca del veicolo con il quale è stato commesso il reato, salvo che non appartenga a persona estranea.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.