BRINDISI. Oggiano (Fdi):LA CITTA’ E’ SOTTO ASSEDIO DI FENOMENI CRIMINALI MA LA PRIORITA’ DELL’AMMINISTARZIONE ROSSI E’ APRIRE CENTRI MIGRANTI

LA CITTA’ E’ SOTTO ASSEDIO DI FENOMENI CRIMINALI MA LA PRIORITA’ DELL’AMMINISTARZIONE ROSSI E’ APRIRE CENTRI MIGRANTI INVECE CHE CENTRI DI RECUPERO SOGGETTI FRAGILI E A RISCHIO EMARGINAZIONE SOCIALE,  DISPERSIONE SCOLASTICA GIOVANILE, REINSERIMENTO DI EX DETENUTI CON PERCORSI DI INCLUSIONE E CULTURA DELLA LEGALITA’

L’accoglienza un business per chi la sfrutta. Ormai l’assioma che una immigrazione senza regole porta a sfruttamento è un dato di fatto che non può più essere sottaciuto. L’operazione di Polizia che ha smantellato a Latina un’organizzazione criminale che sfruttava immigrati e li costringeva a vivere e lavorare in condizioni disumane rappresenta una delle tante inchieste sul sistema di accoglienza e sfruttamento ai danni di migliaia di stranieri extracomunitari ricoverati presso centri e strutture dislocate sul territorio nazionale.

 Alcune sigle sindacali, con la complicità di cooperative compiacenti, a corto di iscritti avendo fallito e abdicato ormai da tempo  ai propri doveri statutari di tutela dei lavoratori  (meno 500.000 iscritti  italiani, di cui il 70% al sud, negli ultimi due anni) riversano la propria “attenzione” sui disperati migranti per lucrare su  qualche tessera in più  e su qualche pratica sindacale. Sarebbe interessante sapere  se presso il dormitorio per extracomunitari di via prov.le S. Vito a Brindisi i circa 220 ospiti che lavorano nei campi subiscono gli stessi  trattamenti di quelli scoperchiati a Latina!

Certo quella sparuta categoria di tuttologi  sinistri che rappresentano ormai solo la propria ombra continua a chiedersi come mai con una impennata di fenomeni criminali in Città il problema  sia il dormitorio e i centri di accoglienza migranti; durante l’ultimo Comitato prov.le per l’ordine pubblico e la sicurezza il Sindaco Rossi parlava di fenomeni legati anche ad un problema di mancanza di cultura della legalità tra i giovani e ad una dispersione scolastica fuori controllo. Bene tutto vero, ma spieghi allora il Sindaco perché  la sua Amministrazione prioritariamente continua a partecipare a bandi nazionali finanziati per apertura di centri di accoglienza  migranti invece di indirizzare le stesse risorse (cosi come gli stessi bandi prevedono alternativamente vedi i PON Legalità) per aprire centri contro la dispersione scolastica giovanile, per il recupero di soggetti fragili ed a rischio emarginazione sociale, per il reinserimento di ex detenuti con percorsi di inclusione e cultura della legalità???

Ci hanno provato con la ex delegazione del quartiere Casale da destinare a centro accoglienza migranti miseramente naufragata grazie ad una mobilitazione di massa con relativa raccolta firme  e ad una puntuale attività di contrasto di Fratelli d’Italia e di altre forze politiche   e ora ci riprovano con i locali comunali di via Leonardo Leo a Tuturano!  Su quest’ultima iniziativa sappia Rossi e la sua Amministrazione che c’è  in atto una nuova mobilitazione dei residenti di Tuturano con circa 300 firme già raccolte e a breve verrà  depositato dal sottoscritto un odg in Consiglio Comunale spiegando perché  anche questa scelta sarà fallimentare,   frutto di un approccio ideologizzato al problema immigrazione, di improvvisazione e scollegata dalle reali necessità e bisogni dei cittadini in questo  caso di quelli di Tuturano.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.