FASANO: ULIVETO TRASFORMATO IN DISCARICA DENUNCIATE LE PROPRIETARIE DEL FONDO AGRICOLO

SEQUESTRO DEI CARABINIERI FORESTALI SU UN’ AREA DI 6.600 MQ.

Intervento dei Carabinieri forestali della Stazione di Ostuni su un terreno, classificato come uliveto, in contrada Cerasina nel comune di Fasano.

In realtà ben altro utilizzo è stato accertato, su un’ area di 6.600 metri quadri, dove sono stati rinvenuti rifiuti di ogni genere, in parte provenienti dalla stessa attività agricola, in parte recapitati sul posto e spianati con una pala meccanica, fino a realizzare un terrapieno con detriti e scarti di demolizioni ed opere edili.

Constatato che si trattava di un’ attività ormai protrattasi da tempo, i Militari hanno proceduto di iniziativa a sottoporre l’ area a sequestro preventivo, ad evitare che il reato potesse continuare aggravando ulteriormente la situazione.

Nello specifico, sul posto sono stati rinvenuti pneumatici fuori uso, residui di legno e plastica, terre e rocce da scavo, rifiuti ingombranti, apparecchiature elettriche ed elettroniche fuori uso, imballaggi in plastica, metalli misti, scarti di potature.

Le proprietarie, I.Z. di 35 anni e L.Z. di 33, entrambe di Cisternino, sono state deferite alla Procura della Repubblica di Brindisi per gestione illecita di rifiuti (art. 256 comma 1 del “Testo Unico dell’ Ambiente” – Decreto legislativo 152 del 2006) e per realizzazione di interventi edilizi in assenza di permesso di costruire (art. 44 comma 1 lett. c) del “Testo Unico dell’ Edilizia e Urbanistica” – Decreto del Presidente della Repubblica 380 del 2001), in relazione al “piazzale” creato con i rifiuti edili.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.