Oria:Denunciato per tentata truffa un 40enne di Cerignola.

tenta di consegnare alle commesse di un esercizio commerciale specializzato nella vendita di prodotti lattiero-caseari pacchi di merce non richiesta, pretendendo l’immediato corrispettivo in denaro. Identificato e denunciato per tentata truffa un 40enne di Cerignola.

I Carabinieri della Stazione di Oria al termine degli accertamenti hanno deferito in stato di libertà un 40enne residente a Cerignola. L’uomo con a carico alcune vicissitudini di natura penale, specializzato nel settore delle truffe, si è presentato in un esercizio commerciale per la vendita di prodotti lattiero caseari con alcuni pacchi di merce. Nella conversazione intrattenuta con le commesse dell’attività, ha sostenuto di essere stato incaricato dal titolare del punto vendita della consegna della merce previo pagamento immediato del corrispettivo in danaro. Nella circostanza ha aggiunto che la merce era stata commissionata dallo stesso titolare dell’esercizio commerciale che aveva richiesto che gli venisse recapitata. Visto lo scetticismo delle commesse presenti, l’improvvisato agente di commercio ha fatto finta con il proprio telefono cellulare di contattare il titolare dell’attività, lamentandosi e chiedendo spiegazioni dell’anomalo comportamento delle stesse. Queste più che mai determinate nel rifiutare i pacchi in questione, nonché esborsare il corrispettivo in denaro, hanno reiterato il loro diniego mandando su tutte le furie il truffatore cerignolano che indispettito per il mancato perfezionamento della truffa, si è allontanato con il proprio furgone. I successivi accertamenti hanno permesso di identificare il truffatore non nuovo a imprese del genere.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.