BRINDISI.Tra focus sul quadriennale, laboratori e letture al Marzolla

27 gennaio 2019: ultimo open day al Marzolla con i ragazzi del C.O.M.A. ad illustrare le loro attività ai giovani visitatori delle medie , corner informativo sul quadriennale curato dalla prof.ssa Daniela Franco, mini laboratori didattici con la guida dei proff. Fedele, Martucci, Carluccio, Guadalupi, Anelli, Santarelli, Cainazzo, Cucinelli.

Poi in auditorium “Cinzia Zonno” il Dirigente Scolastico saluta i presenti ed introduce l’incontro con l’autore Raffaele Valentini, segue una breve presentazione del libro “Ci sarà tempo per chiedermi” da parte della professoressa Pierangela Del Prete, la proiezione di un gradevole video ispirato alle sequenze narrative più significative del libro. Gli alunni rivolgono domande all’autore sul senso del tempo che passa , sul tema del rapporto con il paese di origine e sulla cultura contadina, sull’influenza che la lettura dei romanzi, d’avventura in particolare, ha avuto nella sua formazione. Poi l’intervento del prof. Paladino coi rimandi a Pavese, a Sciascia, al Verismo. Gli alunni, seguiti anche dalle proff.sse Marini e Monteverdi, hanno per due ore posto domande sulla tecnica narrativa, su quello ieri e oggi che segna le stagioni della vita, citando Ivano Fossati, suonando e candando “Summer Time” di George Gershwin, leggendo brani del romanzo. “Letture al Marzolla “ chiude con la bellezza della narrazione della vita di paese che non ti isola dal mondo ma ti dà radici per inserirti nel mondo quest’ultimo open day.

Nelle foto : Gli alunni e i Docenti in auditorium, la Preside Taurino, lo scrittore Valentini e la prof.ssa Del Prete in auditorium


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.