OSTUNI: DISCARICA DI RIFIUTI BRUCIATI E SOTTERRATI IN UN ULIVETO DENUNCIATI IL PROPRIETARIO DEL TERRENO ED IL TITOLARE DI DITTA EDILE

SEQUESTRO DEI CARABINIERI FORESTALI SU UN’ AREA DI OLTRE 1HA.

Proseguono i controlli “a tappeto” dei Carabinieri Forestali della Stazione di Ostuni su tutto il territorio del Nord Brindisino, volti all’ accertamento di violazioni alle norme a tutela dell’ ambiente naturale.

Questa volta il “blitz” è stato operato in un terreno in contrada San Giovanni, in agro di Ostuni, quando è stata “sorpresa” una macchina escavatrice in azione, nella fase di ricopertura con terreno vegetale e detriti vari delle buche ricolme di rifiuti.

I Militari hanno constatato che in una vasta area ad uliveto, per un’ estensione di oltre 1 ettaro, erano stati accumulati rifiuti di vario genere, da residui di attività edilizia, terre e rocce da scavo, pneumatici fuori uso, metalli, elettrodomestici, plastiche, e finanche rifiuti pericolosi, come batterie al piombo esauste.

I rifiuti erano stati in parte spianati, per ricavare una strada larga circa 2 metri e lunga 170, al servizio della discarica abusiva, ed in parte bruciati ed interrate in buche realizzate dall’ escavatore, quindi occultate e ricoperte una volta raggiunto il piano-campagna.

Tutta l’ area è stata sottoposta a sequestro penale preventivo, ad iniziativa dei Carabinieri forestali, sì da interrompere immediatamente l’ attività criminosa in atto; gli stessi hanno apposto i sigilli anche alla macchina operatrice.

Alla Procura della Repubblica di Brindisi sono stati deferiti S.L., 30enne ostunese, proprietario del terreno, e G.S., anch’ egli ostunese, di anni 38, titolare della ditta che stava eseguendo i lavori di scavo e ritombamento.

Ai due sono stati contestati i reati, in concorso, di gestione illecita di rifiuti e realizzazione di discarica (art. 256 commi 1 e 3 del Testo Unico dell’ Ambiente, Decreto legislativo 152 del 2006), nonché combustione illecita di rifiuti (art. 256-bis dello stesso Testo Unico) e realizzazione abusiva di rilevante trasformazione dei terreni in zona sottoposta a vincolo paesaggistico (art. 181 del Codice dei Beni Culturali e del Paesaggio, Decreto legislativo 42 del 2004).


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.