BRINDISI.Marocchinate Quando la memoria diventa Storia. Al Teatro Kopó

Il Teatro Kopó presenta, in prima assoluta a Brindisi, lo spettacolo Marocchinate di Simone Cristicchi e Ariele Vincenti, con Ariele Vincenti, per la regia di Nicola Pistoia, in scena sabato 2 febbraio alle 21:00 e domenica 3 alle ore 18:00.

Correva l’anno 1944, quando ebbe luogo lo sfondamento della linea di Montecassino da parte delle truppe alleate. Siamo dentro gli eventi della Grande Storia, nel momento in cui la seconda Guerra mondiale volge all’epilogo e con essa la follia nazifascista. Mentre cade l’ultimo baluardo tedesco in Italia, mentre si festeggia la sconfitta dell’oppressore, si consuma una tragedia nella tragedia, una serie di avvenimenti ancora poco conosciuti e poco raccontati. Questa pièce di eccezionale valore storico-culturale ci porta nei giorni segnati dalle terribili violenze perpetrate dai soldati marocchini, che coadiuvarono gli Alleati durante le operazioni militari nel basso Lazio. Gli abitanti della Ciociaria aspettavano ji salvatori. Arrivarono invece ji diavoli. Il lavoro scrupoloso di Cristicchi e Vincenti porta alla luce la verità di quelle 50 ore in cui i vertici militari concessero ai soldati la licenza di compiere razzie di cibo, di vino, di animali da allevamento, e di donne. La voce narrante è quella di un pastore locale, un racconto che sembra provenire dalle viscere della cultura contadina, costellata di privazioni e di sacrifici. La vita del protagonista, di sua moglie, della loro famiglia e dell’intera comunità viene sconvolta dall’arrivo delle truppe Marocchine e dall’efferatezza del loro comportamento. Sono migliaia le donne stuprate e uccise nella primavera del ’44. Saranno ricordate appunto come le Marocchinate. Lo spettacolo vuole dunque ricordare le vittime di quelle violenze. Donne vinte, per così dire, nella ubriacatura della Liberazione. L’obiettivo è quello di rendere le loro parole le nostre parole, entrando a far parte di diritto del racconto della nostra storia. Marocchinate riscuote da diversi anni un grande successo di pubblica e di critica. Come accade alla migliore tradizione italiana di teatro civile, che combina impareggiabile perizia artistica e impegno politico, questo spettacolo continua a far parlare di sé, suscitando riflessioni ed appassionate prese di posizione. L’opera di riscoperta di una pagina ‘circoscritta’ dentro il racconto della grande Storia rappresenta un elemento di immenso valore conoscitivo, poiché arricchisce le categorie, i giudizi (ed anche i pregiudizi), la vasta messe di “certezze acquisite e rassicuranti” alla quale siamo pronti a fare ricorso.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.

BRINDISI.Si è perso il cane Totò, l’ appello disperato della padrona .

Totò, un bellissimo cane, affettuoso, che si è perso presso la struttura commerciale

Brinpark a Brindisi. Totò, che è come un figlio per la propria padrona, una donna

anziana. L’ultimo avvistamento di Totò il 17 mattina, al Parco del Cesare Braico, per

chi avesse  notizie questo il numero di cellulare a cui rivolgersi 3491449713.