Carovigno (Br).SEQUESTRATO SCARICO A MARE ABUSIVO PROSPICIENTE LA ZONA “C” DELL’AREA MARINA PROTETTA DI TORRE GUACETO.

Ancora un’importante operazione di polizia ambientale, messa a segno nella mattinata odierna e nella giornata di ieri all’interno della Riserva Naturale e dell’associata Area Marina Protetta di Torre Guaceto, da parte del Nucleo Operativo di Polizia Ambientale della Direzione Marittima di Bari – Nucleo di Brindisi, ai fini di tutela e prevenzione dei fenomeni di abusivismo demaniale e danneggiamento ambientale.


L’attività investigativa d’iniziativa già posta in essere lungo il litorale di giurisdizione nei giorni scorsi a seguito di esposto, ha consentito, nella giornata odierna, di sequestrare un’area di circa 14.000,00 mq e uno scarico abusivo proveniente da un terreno privato adiacente all’area demaniale marittima in agro di Brindisi, Località Apani.

In particolare, si è constatata la presenza di uno scarico a mare abusivo il quale tramite un sistema di collettamento consistente in un tubo in pvc, avente un diametro di circa 15 cm, collegava senza soluzione di continuità una laguna/stagno naturale presente sul terreno in questione e luogo di migrazione di specie faunistiche protette con la Zona “C” della Riserva Naturale dell’Area Marina Protetta di Torre Guaceto, ivi scaricando acqua di colore giallastro.

Sul luogo è intervenuto anche il tecnico dell’Arpa Puglia Dap Brindisi che ha effettuato dei campionamenti allo scarico, che verranno sottoposti alle necessarie analisi chimico-batteriologiche.

La parte finale dello scarico, attivo al momento dell’accertamento, era stato ricavato scavando nella sabbia con un mezzo meccanico, visti i segni di cingolato presenti sul luogo.

L’area in questione è stata posta sotto sequestro preventivo su disposizione del PM di turno della Procura della Repubblica di Brindisi per le violazioni di cui agli articoli

–          19 comma 3 lettera “f” della Legge 06 dicembre 1991, n° 394 “Legge quadro sulle aree protette”

–           4 del Decreto Interministeriale 04 dicembre 1991 “Istituzione della riserva naturale marina denominata Torre Guaceto”;

–          635, 674, 734 Codice Penale (danneggiamento, distruzione e deturpamento di bellezze naturali);

–          27 comma 1 lettera “e” della Legge 31 dicembre 1982 n° 979 “Disposizione sulla Difesa del Mare”.

Per qualsiasi segnalazione si ricorda che sono attivi 24 ore su 24, 7 giorni su 7 il numero di centralino della Sala Operativa 0831521022 e la casella di posta elettronica so.cpbrindisi@mit.gov.it mentre, per le sole emergenze in mare, il numero blu 1530.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.