AGRICOLTURA, CAROPPO (LEGA): Xyella, Consorzi e PSR fermo, Emiliano e Di Gioia cambino mestiere. Disagio del mondo agricolo non più tollerabile.

«Il rombo dei trattori che domani si farà sentire anche a Nardò sotto la sede del consorzio di bonifica dell’Arneo, certifica che il livello di malessere dell’agricoltura pugliese nei confronti del malgoverno regionale ha ormai superato non la soglia minima di guardia, ma quella massima. Emiliano e Di Gioia devono preparare le valigie e, possibilmente, andar via quanto prima.

Ovviamente senza tornare. Il disagio del mondo agricolo pugliese non è più tollerabile». E’ quanto dichiara in una nota il Consigliere Regionale Andrea Caroppo, segretario pugliese della Lega.
«Mentre il PSR è fermo al palo, afflitto da ritardi e paralisi, e l’agricoltura pugliese paga il danno della Xylella, inflittoci anzitutto da chi, come Emiliano, per anni ha ostacolato ogni forma di contrasto al batterio, spalleggiando complottisti, santoni e iniziative giudiziarie poi naufragate, la Regione, tramite quei carrozzoni dei consorzi di bonifica, ha pure l’ardire di bussare a denari per servizi mai resi!
Non è più possibile andare avanti così.
Mi domando cos’altro debba accadere e quanta rabbia altra debba essere messa in circolazione per far comprendere al governo regionale che o assume le iniziative necessarie – su Xylella, PSR, Consorzi ecc… – o è meglio che se ne vada».


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.