PESCA, CAROPPO (LEGA): LIBERARE IL SETTORE DALLA ASFISSIANTI NORME UE CHE FAVORISCONO SOLO LE MARINERIE DEL NORD AFRICA

«Sono convintamente al fianco delle marinerie pugliesi: politiche prive di qualunque aderenza alla realtà concreta hanno messo in crisi un settore vitale per la nostra economia nonché per la nostra salute senza alcun concreto beneficio per l’ecosistema»,  lo dichiara in una nota il Segretario Regionale pugliese della Lega-Salvini Premier, il Consigliere Regionale Andrea Caroppo.

«A causa di regolamenti e direttive UE, spesso adottati con il concorso dei governi nazionali, i pescatori italiani sono ingabbiati in una pletora di norme sempre più restrittive, asfissianti ed antieconomiche, nonché da una montagna di obblighi amministrativi e burocratici che rendono impossibile lavorare. Il tutto mentre i pescatori non europei, specialmente quelli delle marinerie emergenti e sempre più commercialmente aggressive del Nord Africa, hanno mano libera. E difatti, a fronte della messa in ginocchio di un intero settore, l’ecosistema del Mar Mediterraneo non migliora affatto. Nel frattempo, i cittadini italiani continuano a comprare i prodotti ittici che, però, pur frequentemente spacciati come cattura italiana, sempre di più provengono da flotte e mercati esteri, con conseguente ulteriore aggravio della bilancia dei pagamenti nel settore e rischi su salute e tracciabilità.

E evidente allora – conclude Caroppo – che, se non l’amore per una nobile e antica arte, deve essere l’amore per la nostra occupazione e la nostra salute a spingere per un deciso cambio di rotta».


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.