Alla “Casa del Popolo” di Brindisi la presentazione di “Tanto non la fanno – Racconti NO TAP”, dialogo con l’autrice Serena Fiorentino.

Venerdì 1 febbraio 2019, alle ore 18.30 presso la “Casa del Popolo” di Brindisi, via Porta Lecce 134, si terrà un incontro con Serena Fiorentino, attivista No Tap, e autrice del libro per bambin* (e non solo) “Tanto non la fanno” – Racconti No Tap.

“Un libro che nasce per i bambini. Per quei bambini nel cui futuro vive il motivo della nostra opposizione al Tap. Per quei bambini che, liberi da ogni sovrastruttura, sono gli unici ad avere realmente capacità di capire l’inutilità e la dannosità di questo progetto. Per quei bambini che sono riusciti, con la loro innocenza, a fermare i grossi camion.”

La vicenda TAP investe diversi aspetti, di tipo ambientale, sanitario, tecnico, energetico, politico, legale, sociale, economico, e riveste inevitabilmente il carattere di internazionalità, dal momento che interessa i Paesi del mar Caspio, passando da Turchia, Grecia, Albania, Italia, Austria, con ripercussioni su tante piccole realtà locali che rischiano di essere irreversibilmente stravolte, compresa Brindisi.

Nel dibattito si cercherà di dare un spazio informativo su tutti questi aspetti e Serena Fiorentino, attraverso il suo scritto, offrirà una visione meno “tecnica” della vicenda, così come verrebbe spiegata ad un bambino, così come la vivono le persone che abitano in una di quelle realtà locali interessate dal passaggio di questa opera.

Il ricavato della vendita del libro (costo 3 euro) andrà alla cassa di resistenza del presidio No Tap.

Al termine, aperitivo popolare di autofinanziamento

“Casa del Popolo” Brindisi


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.